BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

..... ...... ......

4 giugno 2012

IL MURO DI GOMMA. DI LUCA DEL PRETE MACCHINISTA CIRCUM E SINDACALISTA ORSA

Questo comunicato ed i relativi allegati doveva esser pubblicato dal Mattino la settimana scorsa, però il muro di gomma creato dal sistema che ci governa non lo ha permesso, ecco perché ve lo inoltro ora, avremmo voluto farlo in contemporanea con il giornale, ma NON SI PUO' ...!!

Il primo file (20120523 COMUNICATO STAMPA) esprime nel modo più sintetico possibile le considerazioni sullo stato dei Trasporti in Campania ed in special modo nella provincia di Napoli.
Il secondo file (file Vetrella) contiene i dati che l'assessorato ai trasporti ha reso noto sulla Circumvesuviana dopo il piano straordinario della manutenzione dei treni promosso da Vetrella.
Il terzo file (legge regionale 13-98 sanzioni amministrative pecuniarie) è uno dei grossi nodi che non permette di fare un adeguato recupero dei "portoghesi", perché ci chiediamo se è possibile, nelle attuali condizioni economico-sociali, chiedere ed ottenere, senza alcuna reazione, 40€ più il costo del biglietto ad una persona che non ha il titolo di viaggio, e chiedere la stessa cifra anche a coloro che per non perdere il treno non si fermano per acquistare il biglietto (se consideri che su certe tratte c'è un treno ogni ora...).
Il quarto file (Nuova Organizzazione aziendale EAVBus) è un capolavoro di ipocrisia, si creano posti dirigenziali in un'azienda in profondissima crisi economica per regalare l'ennesimo paracadute a coloro che devono uscire dall'organigramma dirigenziale dell'EAV, per motivi di opportunità, pubblicizzati nella conferenza stampa, facendo credere che i dirigenti diminuiscono, invece sono nascosti nelle aziende controllate, ma pesano ugualmente se non di più sui bilanci, perché qualche spostamento nasconde pure una promozione.

Per maggiori e migliori dettagli puoi tranquillamente chiamare Luca Del Prete al 3346200201

Buon Lavoro

LEGGI E/O SCARICA I DOCUMENTI 




1 commento:

vincenzo201 ha detto...

Certo, voi vorreste distinguere tra chi non fa il biglietto, perché intende viaggiare a sbafo e chi ha pochi secondi per prendere il treno. Non mi dilungo sul fatto che sarebbe meglio avere in tasca qualche biglietto in più, proprio perché i treni sono pochi ma ora vi chiedo: sareste disposti a vendere biglietti sul treno, come si faceva fino a pochi anni fa (almeno fino al 1998), per chi saliva in stazioni impresenziate o con biglietteria temporaneamente inagibile? Basterebbe la possibilità di comprare dei biglietti di corsa semplice.