BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

@ @ @ @

28 maggio 2016

RICEVO E PUBBLICO

Nuovo pub a Portici: “CIVICO 14

 

Sono tempi difficili, inutile dirlo o cercar di nasconderlo. 
Checchè ne dica il Premier Renzi, le cose non vanno bene per la stragrand
e maggioranza degli Italiani. 
In modo particolare la situazione socio
-economica al Sud è ancor più grave. 
Disoccupati, sottoccupati, precari, esodati
diversamente abili a Napoli, in Campania, nel Meridione non se la passano assolutamente bene. Nonostante la notissima “arte dell’arrangiarsi”, da sempre filosofia per gli abitanti da Roma in giù…
Quante sono le attività commerciali che hanno chiuso nell’ultimo periodo?

Quante sono le persone che hanno grosse difficoltà a mettere cibo in tavola a pranzo e a cena e coniugare questo sforzo con le bollette dell’affitto-gas-luce-acqua-telefono-spazzatura-canonetelevisivo?
Ecco perché se sei invitato ad un’inaugurazione di una 
Gastronomia Paninoteca – Cucina Made in Italy ti senti piacevolmente sorpreso, ma intimamente perplesso: chi sono ‘sti pazzi?
In Piazza Cassano a Portici
 giovedì 19 maggio 2016 è stato inaugurato “Civico 14” con la partecipazione di decine e decine di persone, che hanno gremito parte della rivalutata piazza, adiacente la stazione della Circumvesuviana di Portici-Bellavista.
All’appello di Daniele e Teresa, marito e moglie, genitori del simpaticissimo Pasquale, bimbo sempre sorridente, hanno risposto proprio in tanti: il piccolo ma accogliente locale non poteva contenere i tanti presenti, riversatisi nello spazio antistante, fra tavolini e verde.
La macchina fotografic
a del dinamico Riccardo Ragona ha immortalato tanti momenti in cui uomini, donne e bambini, gustavano crostoni, panini, sfizi, bevendo vino rosso, birra, coca-cola…
I crostoni sono con la porchetta-provola-patatinefritte, parmigianazucchine-melenzane, provola-funghi, olive-pomodori-mozzarella-basilico e hanno un costo 
da € 3,50 a € 4,50.
I panini sono con la costoletta-salsiccia-provola-parmigiana, 
porchetta-bacon-formaggio, salsicciadimaialinonero-crocchè-provola, hamburgerdichianina-formaggio-patatinefritte-cotto, uova-pancetta-formaggio, polpetta-friarielli-provola e vanno da € 5,00 a € 8,50.
Gli sfizi? Patatine fritte, polpettine, arrosticini di maiale, c
uoppo napoletano, spiedino di hamburger, carne mista, ecc. ecc….
Il rapporto qualità-prezzo è 
adeguato, per cui si augura ogni bene a Daniele e Teresa, neofiti in questo campo!
Ci si augura che la piazza antistante “Civico 14”sia sempre piena di gente, di giovani in attesa di mangiare un crostone o un panino e che Piazza Cassano sia meta di tanti che desiderano gustareuna birra seduti in una zona pulita e non trafficata da auto che sputano gas tossici!!!
EMILIO VITTOZZI











27 maggio 2016

RICEVO E PUBBLICO

PETRU? PRESENTE!

Giovedì 26 maggio la stazione di Montesanto dell’ex Cumana è stata intitolata a Petru Birladeanu, vittima innocente della camorra.
Il giovane fisarmonicista rumeno fu ucciso durante una cosiddetta “stesa” (corteo armato di moto) ad opera di camorristi, morendo fra le braccia della moglie Mirela e l’indifferenza dei passanti!
“Perché non sia un’altra delle morti dimenticate di questa terra” è quanto hanno scritto i militanti del presidio di Libera Vomero-Arenella, organizzatori dell’intitolazione, con l’avallo dell’EAV e il patrocinio della Regione Campania.
La stazione di Montesanto, dalle 9 circa, è stata meta di decine e decine di persone che hanno partecipato alla cerimonia coordinata da Geppino Fiorenza di Libera.
Fra i tanti interventi, il più applaudito è stato quello di Maria Teresa Nicastro, Referente del Presidio di Libera Vomero-Arenella, che con passione ha raccontato la storia di Petru, una storia che “deve graffiare dentro”. Nonostante un’amplificazione a dir poco scarsa (!), Maria Teresa ha colpito tutti con le sue parole mirate a far riflettere i presenti ed “omaggiare” lo sfortunato Petru: applausi convinti, prolungati a testimonianza della validità del discorso.
A rendere onore alla memoria di Petru anche il Presidente dell’EAV (Umberto de Gregorio), l’Assessore alle Politiche Sociali della Regione Campania (Lucia Fortini), il Presidente della Fondazione Polis (Paolo Siani), il Referente Libera Campania (Fabio Giuliani), Roberto Ormanni e la sua chitarra.
Alle 11,20 è stata scoperta la targa intitolativa da Susy Cimminiello, sorella di Gianluca, anch’egli vittima innocente della criminalità, insieme alla gia citata Maria Teresa Nicastro, fra un applauso prolungato, convinto, affettuoso, ricco di speranza dei tanti presenti, tutti impegnati ad immortalare vari momenti della riuscitissima manifestazione.
Un mazzo di fiori colorati, deposto sotto la teca contenente la fisarmonica dello sventurato trentatreenne rumeno, è la degna conclusione di una significativa e riuscita manifestazione…







RICEVO E PUBBLICO

Fortemente voluta da Rosario Vannelli e da Giuseppe Aurino, si è svolta venerdì 27 maggio, nella Cappella di Stazione di Napoli Porta Nolana, l'annunciata Messa di Trigesimo per Mario Di Matteo.
Decine e decine di Colleghi, al di là e al di sopra di qualifiche aziendali, si sono stretti ai figli del caro estinto, Adele ed Antonio, intorno all'altare, in un'atmosfera densa di vari significati.
 
Ad Emilio Vittozzi il compito di ricordare Mario:
 
Ci sono persone che, per  mestiere e per modo di fare, entrano nell’esistenza di ognuno di noi.
Le incontriamo ogni giorno e non possiamo non osservare il loro tratto, la loro disponibilità, la loro capacità di mettersi in sintonia con tutti.
Per questo motivo, quando viene a mancare una persona del genere, è come se con lei se ne andasse un pezzo della nostra vita quotidiana, in questo caso della storia della nostra gloriosa ex azienda.
Mario Di Matteo era, per così dire, una “istituzione” della Circumvesuviana, non solo per l’aspetto “legale” del suo lavoro: con lui va via un modo di “vivere” l’azienda che non c’è più… La sua presenza “operosa” ha rallegrato i nostri giorni, anche per impegni squisitamente extralavorativi.
Promotore del Fondo di Solidarietà, Fondatore e Primo Presidente del CRAL, Consigliere d'Amministrazione della Cassa “Maurizio Capuano”, ha sempre operato per l’umanizzazione del lavoro.
Mario ha svolto un ruolo significativo nell’ex Circumvesuviana: lo ha fatto per tanti anni, con passione e competenza.
La nostra presenza qui è per testimoniargli stima, gratitudine ed affetto per tutto quello che ha fatto.
Tramite San Giovanni Bosco, il “Santo Sociale”, lo affidiamo al Signore crocifisso e risorto: Egli più di noi lo conosce, conosce quello che è passato per il profondo del suo cuore, conosce la sua bontà.
Possa ognuno di noi, venuto a ricordare un collega, un amico, sentirsi spinto a fare la sua parte per rendere migliore questa azienda in cui operiamo, questo mondo in cui viviamo.
Ai suoi figli, Adele ed Antonio, possiamo solo promettere che, difficilmente, dimenticheremo il loro papà, unitamente al loro zio, Michele, persone perbene, persone di un mondo che non c’è più…
Tutti i nipotini, da grandi, potranno venire a sapere che il loro nonno era stimato ed amato dai suoi colleghi di lavoro, caso mai guardando la statuetta della Sacra Famiglia di Nazareth.
A me, personalmente, mancherà l’affettuoso “Uagliò, mi sei piaciuto…”, dopo qualche mio intervento scritto o verbale, frutto di un bel rapporto fatto di stima sincera, basato sulla differenza di età (15 anni ), che gli consentiva di rapportarsi a me come l’amico più grande…

Emilio Vittozzi

DA MICHELE CANNAVACCIUOLO RICEVO E PUBBLICO

Michele Cannavacciuolo
16 ore fa

Ancora un piccolo tassello.ed il puzzle è quasi completo.entro una settimana (sette giorni)la commissione Trasporti della Regione emanerà il decreto esecutivo all'accordo siglato in Prefettura.
Resta poi alla Ragioneria Generale della Regione dare tempestiva risposta economica alla chiusura della faccenda.
Siamo fiduciosi che il carattere di prevalenza dato all'argomento, da tutte le parti in causa.ci porti a ricevere il giusto in tempi ragionevolmente rapidi.
Il traguardo è là,non ci distraiamo,ancora compatti e concentrati,se festa si farà, sarà solo ed unicamente quando si scriverà la parola fine, a questa triste ma nel contempo esaltante vicenda.
La fiducia accordataci e commovente,forse questa volta quattro pensionati al bar non ci sono andati solo per piangersi addosso,ma per dimostrare di essere ancora vivi e con tanta tanta voglia di combattere,e perchè no,di vincere.

20 maggio 2016

UN'ALTRA MAMMA SI E' SPENTA E CON ESSA UN'ALTRA STELLA NEL CIELO....

E' DECEDUTA LA MAMMA DEL COLLEGA DOTT. ROSARIO IANNUZZI, CAPO DELL'UFFICIO DEL PERSONALE. LA NOTIZIA MI E' GIUNTA DA POCO E COME ORMAI DA UN PO' ACCADE, SENTO IL DOVERE, ATTRAVERSO IL NOSTRO BLOG, DI PARTECIPARLA AI COLLEGHI AFFINCHE' ESPRIMANO LA LORO VICINANZA, NELL'OCCASIONE, A ROSARIO...

LE MIE CONDOGLIANZE ALL'AMICO E COLLEGA ROSARIO, PER UNA PERDITA CHE LASCIA UN VUOTO INCOLMABILE E CHE AHIME', TUTTI DOBBIAMO SUBIRE NELL'ARCO DELLA NOSTRA ESISTENZA.  

TI ABBRACCIO FORTE. 
GIOVANNI

LE ESEQUIE SI SVOLGERANNO SABATO 21 MAGGIO, ALLE ORE 16. LA FUNZIONE RELIGIOSA SARA' CELEBRATA PRESSO LA CHIESA DI S. ANTONIO DI PADOVA IN VIA DEL CORALLO A PORTICI.

Eventuali messaggi di cordoglio potranno essere inviati a: Dott. Rosario Iannuzzi via Libertà 205/A - 80055 PORTICI. 





DA MICHELE CANNAVACCIUOLO RICEVO E PUBBLICO

       MICHELE CANNAVACCIUOLO


Michele Cannavacciuolo
2 ore fa
Tfr ex EavBus,bollettino di oggi 19/Maggio.
Il Giudice Delegato dal Tribunale Fallimentare di Napoli,Dott.ssa Notaro,ci ha comunicato che ha dato il via libera all'applicazione dell'accordo,proposto dal Dott.DeGregorio presidente del consiglio d'amministrazione Eav holding,e condiviso dalla Curatela Fallimentare,discusso nell'incontro in Prefettura il 26/aprile u.s.
Tocca adesso alla Regione,il reperire i fondi e modulare i rimborsi insieme alla direzione Eav.
Abbiamo gia avviato una iniziativa atta ad incontrare il Presidente della Commissione Trasporti Regionale,On.Cascone Luca,attraverso i Parlamentari che standoci vicino in ogni fase di quest'esaltante stagione,che ha visto testimoni i pensionati,nella civile,pressante e in alcune fasi quasi drammatica lotta,hanno di fatto dimostrato che esiste ancora una Politica sana e viva che si nutre e nutre solo l'interesse della collettività.
I ringraziamenti a più tardi,quando potremo mettere la parola fine in maniera definitiva all'intera vicenda.
Ma ci corre l'obbligo di essere onesti prima con noi stessi,senza l'aiuto datoci dal Dott. De Gregorio,da Cascone Luca da Enza Amato da Mario Casillo,dal Vice Prefetto Del Prete,dai tanti che ci hanno incoraggiato,non ce l'avremmo fatta ad arrivare a questo punto.Quindi GRAZIE.

19 maggio 2016

E' DECEDUTA LA MAMMA DEI FRATELLI SICIGNANO. IL GESTORE VINCENZO E IL MACCHINISTA GREGORIO.



La mamma di Vincenzo e Gregorio Sicignano non è piu'. Stamane Vincenzo è stato chiamato dai familiari ed ha lasciato il servizio per correre al capezzale della madre intorno alle 6.30, sostituito prontamente dal collega Giovanni Casciello. 

Ai due colleghi le nostre più sentite condoglianze per l'incolmabile perdita.  

Le esequie giorno 20 alle ore 9.00. La Santa Messa sarà officiata presso la chiesa di S. Maria delle Grazie a poca distanza dalla stazione della Circumvesuviana di Scafati. 


Giovanni Navarone 

15 maggio 2016

RICEVO E PUBBLICO



LA CROCE DI MONTESANTO


 
Da venerdì 6 maggio scorso, alla fine della scala mobile della stazione di Montesanto dell'ex Sepsa (linea Cumana e linea Circumflegrea), è stata installata una grossa croce opera di Giuseppe Coraggio, più conosciuto come "Mastro Geppetto", Operatore Tecnico in pensione dal 2006, dopo ben 43 anni di servizio presso il Reparto Fabbricati.
L'ex collega è molto famoso fra le maestranze dell'impianto per la sua indiscutibile bravura nel fare di un semplice pezzo di legno un autentico capolavoro!
Quest'ultimo suo lavoro è una croce "dedicata alla Cumana", punta di capriata del 1889, conservato dallo stesso per oltre 30 anni, in quanto terminale di una trave: dopo circa 3 anni di impegno, effettuato ovviamente nei momenti di pausa dal lavoro, la croce ha visto la sua... nascita.
"Dedicata alla Cumana" nel senso più ampio del termine: "ricordando" tutti i colleghi deceduti per incidenti sul lavoro e tutti quelli che non sono più fra noi...
Bellissima opera d'Arte, nobilissima la dedica.
Complimenti a "Mastro Geppetto"!!

Emilio Vittozzi