BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

STIPENDI AGOSTO IL GIORNO 27...FORSE ANCHE I TICKET...AL MOMENTO QUESTE SONO LE VOCI DI FONTE AUTOREVOLE. LA REDAZIONE

16 agosto 2014

DA IL FATTO VESUVIANO

STAZIONI INTERRATE E RADDOPPI DI BINARI: INTERVENTI MILIONARI PER LA CIRCUMVESUVIANA. 

VESUVIANO E OLTRE Oltre due miliardi da parte della Regione Campania per il sistema trasporti e le infrastrutture. Di questa sostanziosa cifra una parte è dedicata alla Circumvesuviana: lo hanno annunciato in conferenza stampa il governatore Stefano Caldoro e l’assessore ai Trasporti, Sergio Vetrella. In basso i progetti previsti per la Circum.

Ferrovia Circumvesuviana. Linea Napoli-Torre Annunziata - Sorrento: raddoppio tratta Pioppaino - Castellamare di Stabia (finanziamento di 25,05 milioni di euro).

L’intervento prevede la realizzazione di un nuovo fabbricato viaggiatori per la stazione di Via Nocera, localizzata nell’area libera individuata strategicamente tra le strutture scolastiche, poste a monte della linea ferroviaria, le strutture sanitarie pubbliche e private (ospedale civile San Leonardo e Clinica “Villa Stabia”), poste a valle di essa, nonché in prossimità degli uffici giudiziari di Castellammare di Stabia e si affaccia direttamente su Viale Europa e Corso Italia. La nuova stazione, detta “Via Nocera” che sostituirà l’attuale fermata di Via Nocera, si colloca tra la fermata di Pioppaino (da cui dista circa 1,7 km) e la stazione di Castellammare Centrale (da cui dista 1,3 chilometri).

Interramento circumvesuviana tratta Saviano-Feudo Nola (finanziamento di 120 milioni di euro).

L’intervento prevede la realizzazione dell’interramento della stazione di Nola e l’eliminazione dei passaggi a livello che insistono nel Comune di Nola. Tale progetto riguarda il primo stralcio funzionale del più ampio intervento di raddoppio della linea ex Circumvesuviana nella tratta ferroviaria della Scisciano - Saviano - Feudo - Nola, sulla linea Napoli - Nola - Baiano.

http://www.ilfattovesuviano.it/2014/07/stazioni-interrate-raddoppi-binari-interventi-milionari-per-circumvesuviana/

12 agosto 2014

SERVIZIO FERROVIARIO TEMPORANEAMENTE SOSPESO IN EX CIRCUM.


INTORNO ALLE 15.00 DI OGGI UN AVVISO DATO DALLA CENTRALE OPERATIVA DELLA EX CIRCUMVESUVIANA DI NAPOLI, NOTIFICAVA LA SOSPENSIONE DELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA.

IL PROBLEMA DELLA MANCATA PARTENZA DEI TRENI E' DOVUTO AI CONDIZIONATORI MALFUNZIONANTI O DEL TUTTO FUORI SERVIZIO INSTALLATI NELLE CABINE GUIDA DEI TRENI.

IL PERSONALE DI MACCHINA PER QUANTO VOTATO AL SACRIFICIO ORMAI DA TEMPO NON PUÒ LAVORARE IN CONDIZIONI COSI PROIBITIVE, NE VA DELLA STESSA SICUREZZA DELL'ESERCIZIO OLTRE CHE DELLA SALUTE DEGLI OPERATORI.

TRA TEMPERATURA ESTERNA ED INTERNA ALLE CABINE IN CUI IL VETRO DI TESTATA  DEGLI ETR FA DA LENTE D'INGRANDIMENTO, C'E' UN'ESCURSIONE TERMICA DI PARECCHI GRADI. IMPOSSIBILE CHIEDERE AL PERSONALE UN SIMILE SACRIFICIO. 

NEL FRATTEMPO LE SQUADRE DI MANTENZIONE DI NAPOLI STANNO CERCANDO DI FARE IL POSSIBILE PER METTERE IN CONDIZIONE TRENI DI PARTIRE. ALCUNI TRENI STANNO GIÀ INIZIANDO LA LORO CORSA SEBBENE IN RITARDO.

SPERIAMO CHE QUANTO PRIMA I MACCHNISTI VENGANO MESSI IN CONDIZIONE DI VIAGGIARE CON LA GARANZIA DI NON ESSERE COLTI DA MALORE DURANTE IL SERVIZIO.

LA REDAZIONE








11 agosto 2014

E' DECEDUTO IL CAPOTRENO IN PENSIONE ENZO BERTINO. GIORNO 12 AGOSTO LE ESEQUIE

E' VENUTO PERSONALMENTE A DARMI LA TRISTE NOTIZIA, ENRICO CIMMINO AFFINCHÉ LA PUBBLICASSI SUL BLOG.

E' DECEDUTO STAMATTINA, 11 AGOSTO, IL CAPOTRENO IN PENSIONE VINCENZO BERTINO



LE ESEQUIE MUOVERANNO MARTEDI 12, ALLE ORE 10.00, DALLA SUA CASA A FUORIGROTTA  IN VIA ENEA ZANFAGNA 112, ALLA POCO DISTANTE CHIESA DEL BUON PASTORE.

ALLA FAMIGLIA LE CONDOGLIANZE DI TUTTA LA REDAZIONE

Giona

08 agosto 2014

RUA PORT’ALBA – “Storia di uno” - Marotta & Cafiero Editori - € 10,00



Il mio Collega Giampiero Arpaia, con la delicatezza che lo contraddistingue, mi porge un cd dicendomi: “Emì, è per te! Lo avrei voluto portare all’Ospedale Monaldi quando eri ricoverato ma non sono riuscito a venire a trovarti… Te lo regalo ora e ti prego di ascoltarlo e, caso mai, di recensirlo…”.
Allibito, sbigottito, attonito, forse con un sorriso, ringrazio Giampiero dell’inatteso ma graditissimo regalo e leggo “Rua Port’Alba – Storia di uno – Marotta & Cafiero Editori”.
A casa prendo il cd in mano e lo osservo con estrema attenzione.
“Storia di uno” è composto da ben 13 pezzi. Il lavoro si presenta bene. La grafica è delicata e significativa. All’interno c’è il libricino con i testi, le foto del gruppo ed altre novità. Ma c’è una novità assai importante: per nulla casuale è la scelta dei “Rua Port’Alba” di inserire un cd vergine da masterizzare e diffondere agli amici. In pratica non un cd a 10 €, ma ben 2 cd a questo prezzo: un esperimento, a dir poco, “rivoluzionario” e sorprendente per il pensiero dominante ai giorni di oggi.
L’album, nel suo insieme, vuole raccontare le imprese di persone normali. Anche in ciò, non solo un disco ma un vero e proprio manifesto, ideologico e sociale, che inneggia all’impegno, alla lotta, alla tradizione.
I “Rua Port’Alba” sono nati agli inizi degli anni Novanta, suonando in ospedali, fabbriche, scuole, centri sociali, strade, piazze, in Italia e in Europa.
Impegnati socialmente e politicamente, raccontano il senso del coraggio, la lotta quotidiana, la cultura del lavoro, a suon di note, popolari e trascinanti. Tutti i pezzi musicali riportano una frase, un motto, un aforisma a mò di “presentazione” della canzone.
“Pate nuosto”, “Mulattiera del mare”, “Quel che è giusto”, “Ce stanno l’uocchie – 167”, “’O lupo”, “Luna Sencata”, “’A luna e ‘o sole”, “Era nato in Palestina”, “Quell’idea”, “Metalmeccanico”, “Resiste”, “Città mia” e “Voglio stà quieto” sono i titoli dei tredici pezzi di “Storia di uno”.
Fra tutti, a mio modesto parere, sovrasta “Quell’idea” di Massimo Mollo e declamata da Marzia Del Giudice, due assi-portanti del gruppo che assembla anche Martina Mollo (Piano, fisarmonica e voce), Caterina Bianco (Violino e voce) e Gianluca Mercurio (Percussioni). Le voci di Marzia e di Massimo (unitamente alla chitarra) fanno il resto… A volte a questi cinque si uniscono anche Francesco Calzolaio (Clarinetto), Gaetano Perrone (Flauto), Antonio Esposito (Batteria), Roberto Giangrande (Basso), Maurizio Saccone (Sax), Charles Ferris (Tromba), Raffaele Carotenuto (Trombone), Leonardo Massa (Violoncello), Edo Notarloberti (Violino), Luigi Della Notte (Viola), Antonello Paliotti (Chitarra), Gennaro Petrone (Mandola). Il tutto per un prodotto originale, gradevole, intelligente, da proporre a tutti.

EMILIO VITTOZZI