BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

......

9 settembre 2012

"LETTERA APERTA" DI UN NONNO ALLA SUA PRIMA NIPOTE

Come gli attenti e fedeli lettori di www.vesuvianando.blogspot.it sanno, il nostro Collega Emilio Vittozzi, dal 4 Agosto scorso, è divenuto... Nonno !

Durante il battesimo di sua Nipote Laura, ha pronunciato le sottoriportate parole, in una sorta di "Lettera aperta", quasi una specie di esternazioni in libertà...   Carissima Laura,e così da Sabato 4 Agosto 2012 mi hai fatto entrare nella categoria dei “Nonni”, anche se so della tua esistenza dalle 23,14 di Sabato 17 Dicembre 2011… Da quando tua madre, in cucina, mi mostrò la tua prima fotografia, in bianco e nero, ovverossia l’immagine di un’ecografia.
La qualifica di “Nonno” non mi entusiasma, ma neppure mi turba più di tanto, anche se ancora non rispondo quando qualcuno mi apostrofa così…
Del resto, i nonni, dovrebbero essere sinonimo di saggezza, calma, responsabilità: accetto il ruolo ma lo interpreterò a modo mio, in maniera “alternativa”, anticonformista, così come io mi sento…

Carissima Laura, tu sei nata dopo 7 mesi dalla morte del tuo bisnonno, il nonno di tua madre: non potrai mai conoscerlo di persona, ma tutta la famiglia ti parlerà di lui…
La tua nascita la vivo come un passaggio di testimone: una vita che si spegne, una che nasce… Questa è l’essenza ed imparerai a capirlo pian piano, passo dopo passo…
In più sei nata lo stesso giorno di tua Cugina Maria Teresa…
Come ho sempre detto a tua madre, è una stupenda meraviglia “generare” una figlia, “sentire” dentro di se un altro cuore battere, poi, alla luce del sole, stringere nelle braccia il frutto dell’amore e vederlo crescere, giorno dopo giorno.
Non ci vuole molto ad amare i propri figli perché sono come il respiro: sono parte di noi, il nostro orgoglio, la speranza, la giovinezza e li amiamo perché sono la nostra parte migliore: non c’è impresa nella vita che valga più di questa!

Carissima Laura, avrei voluto accoglierti in un mondo migliore… Ma non è proprio così…

Oggi entri a far parte della Chiesa, tramite il battesimo, diventando così Figlia di Dio e Sorella di Gesù! Oggi preghiamo perché ogni bambino sia amato e rispettato, perché abbia una famiglia che lo accolga e gli doni il suo affetto. Tutto ciò perché la vita è sacra, perché il valore della vita dev’essere sempre più diffuso per sconfiggere la “cultura della morte”. Una vita pregna di Valori quali l’Amicizia, la Socialità, l’Onestà, la Lealtà, la Giustizia, la non-violenza, la Solidarietà e sono Valori forti che la “riempiono”: senza di loro saremmo dei “vegetali”…

Oggi indossi un abito bianco: è lo stesso che indossarono tua madre e tuo zio Emanuele quando furono battezzati ed è stato ricavato dall’abito nunziale di tua nonna Giovanna perché la vita è una immensa esplorazione, un lungo viaggio: non ti fermare e non permettere all’abitudine, alle difficoltà e alle convenzioni di relegarti in un angolo come un pugile alle corde!

Con mamma e papà, gli altri nonni, zia Imma, zia Francesca, zio Emanuele, cercherò di farti capire che la felicità non è nelle grandi cose… Non è quella che affannosamente si insegue credendo che l’amore sia tutto o niente… Crescendo imparerai che la felicità è fatta di piccole cose, preziose… Imparerai che il profumo del caffè al mattino è un piccolo rituale di felicità, che bastano le note di una canzone, le sensazioni di un libro, gli aromi di una cucina, i colori a strisce di una gloriosa maglia di calcio per… essere sommersi da un’ondata di felicità! Imparerai che la felicità è fatta di emozioni in punta di piedi, che le stelle ti possono commuovere, che il sole ti farà brillare gli occhi, che un campo di fiori primaverili ti illuminerà il volto, che il profumo della primavera ti “sveglia” dall’inverno, che sederti a leggere all’ombra di un grande albero rilassa e libera i pensieri, che osservare le onde del mare dà un senso di libertà.

Imparerai, oh si che imparerai…

Dio ti benedica!



1 commento:

Enzo Buonocore ha detto...

Hai detto e scritto tanto, ti abbiamo ascoltato e letto spesso, ma la lettera a Laura è la più bella cosa che tu abbia fatto,racchiude l'essenza della vita stessa, profonda nella fede, nelle sensazioni, nell'amore al prossimo. GRAZIE Enzo e Giovanna.