BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

..... ...... ......

4 ottobre 2014

RICEVO E PUBBLICO

Avv. Raffaello Bianco
                                                                                                                                                                                                                                                        

On. Stefano Caldoro 

 On. Sergio Vetrella

Prof. Nello Polese

Dott. Pietro Voci


                                                                 Dott. Antonio Marchiello
                                                                                                                                                             Ing. Sergio Negro




                Oggetto: dichiarazioni di Vetrella.
          Trasmissione Julie News – Il Corvo del 2-10 c.a.

                Leggo una lunga dichiarazione dell’Assessore Vetrella in relazione ai disservizi verificatisi sulle linee Cumana e Circumflegrea (ma quale giornata non è segnata da disservizi nel TPL campano a partire dall’anno 2010?), appesantiti da uno stato di agitazione del personale viaggiante, sacrosanto e giustificatissimo.
                L’ineffabile assessore (il più esautorato della Repubblica Italiana), non avendo alcuna voce in capitolo per chiamare l’EAV  a rendere conto di una irresponsabile gestione del problema, invoca addirittura l’azione penale nei confronti dei lavoratori già frustrati nella loro dignità, privati di attese e di speranze, esposti quotidianamente a rischi di incolumità personale a causa degli effetti disastrosi prodotti nei servizi dalla ottusa gestione che caratterizza il trasporto pubblico campano a partire, appunto, dal 2010 in poi.
                Naturalmente non manca nel suo farneticante messaggio all’utenza , al Prefetto, ai cittadini, ai profughi, agli emigranti e agli astronauti il suo solito stupido richiamo al passato. Il che autorizza l’intervento dello scrivente.
L’assessore minaccia multe, ammende e penali alla “sua” azienda, ignaro che multe, ammende e penali dovranno essere pagate alla fine da lui medesimo (cioè dalla Regione).
Mah! Un don Chisciotte moderno, però un po’ più patetico di quello originale.
Trenta euri negati ad un gruppetto di lavoratori (ne hanno pieno diritto!), ma trecentomila euri vengono programmati per tre amici giornalisti incaricati di tessere le lodi del nostro ingegnere che galleggia nelle nuvole e per nasconderne accuratamente i demeriti.
Così va la regione Campania!
Napoli 3-10-2014                                                                                                                           
Raffaello Bianco

P.s.
Mi sono illuso di trovare Vetrella e/o Polese  negli studi di Julie Italia, invitati alla trasmissione “il Corvo”; i due piccoli eroi continuano a disertare il confronto a cui si erano dichiarati baldanzosamente disposti. Peccato!
Durante l’incontro (al quale per la verità mi sono sentito abbastanza estraneo, tenuto conto dell’argomento trattato) è venuta fuori la macroscopica illegittimità commessa da Polese in ordine ad una assunzione in EAV di un tizio da destinare al servizio di Caldoro, benefattore a cui deve evidentemente molta gratitudine.
E dire che lo stesso Polese ha avuto l’ardire di sottoscrivere ed inviare “una messa in mora” all’ex Amministratore della Sepsa Raffaello  Bianco (cioè allo scrivente), salendo su un pulpito traballante per i limiti di competenza e di autorevolezza, minato anche da un sostanziale difetto di legittimazione, essendo stato egli stesso illegittimamente nominato amministratore di EAV da Caldoro, in violazione di una legge regionale paradossalmente promulgata dall’illuminato Presidente.
Per quella “messa in mora”, cioè per quella iniziativa temeraria (ed anche idiota), attendo ancora le scuse.

Nessun commento: