BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

14 giugno 2014

DALLA NOSTRA GABRIELLA, CORRISPONDENTE DAL FRONTE DELLA LINEA FERROVIARIA, RICEVO E PUBBLICO.

Con l'estate alle porte, i viaggi in Circum diventano proibitivi. L'altro giorno una giovane donna si è molto lamentata del servizio su gomma, i cui orari sono allo sbando (e lo sappiamo, non certo per volontà del personale), con una distanza tra le corse ormai di quasi un'ora. Strappare gli orari dalle paline, come suggerito dall'autista, non credo serva a molto. Specie a fronte di persone che l'orario ufficiale lo sanno a memoria e quello ufficioso lo vivono quotidianamente. Persone che, come la giovane in questione, possono avere vari problemi, anche banali, di salute ma che non ti permettono di guidare, come l'ipotensione aggravata dal caldo (infatti la signora aveva avuto un piccolo malore alla fermata, dopo un'ora di attesa).

Le sale d'aspetto non stanno messe meglio delle paline: oltre alla sporcizia, all'abbandono di quelle impresenziate ma comunque usate, si aggiunge il fatto che tra quelle presenziate nessuna è adeguatamente climatizzata, così come i treni ma anche gli stessi autobus, a corto di rifornimenti, tagliando i costi non azionano l'aria fresca indispensabile al nostro bellissimo sud.

Si era detto che sarebbero arrivati i treni nuovi, climatizzati, più grandi degli attuali blu...ci abbiamo sperato, specie ora che i vandali hanno deciso di distruggere le porte della nostra bella metro all'aria aperta, così panoramica e caratteristica. Ma...non vediamo né i treni nuovi, né quelli blu climatizzati...solo e sempre i forni crematori bianchi e rossi, che sembrano più esausti di noi sotto il sole campano, e che stremano soprattutto il personale in cabina di guida!


TRENO "NUOVO" FERMO IN GALLERIA CON RELATIVO "SBARCO"
Basterebbe così poco...basterebbe una rivoluzione. Mi dirai: e ti pare poco una rivoluzione intera??? Sì, basta poco: servizio efficiente, con veicoli funzionanti e controlli assicurati, equivale a biglietto più caro, ma sempre pagato! Se ho un dis-servizio continuo, cosa mi spingerà a fare il biglietto regolarmente, sapendo che:
a) il controllore non c'è;
b) se c'è, posso sparargli una tiritera infinita con il ritardo che mi giustifica a non pagare, se sono maggiorenne; se sono minorenne, inizio a dire che sono minorenne e non posso essere toccato, che sono stato aggredito, che insomma ho ragione a prescindere.

Cosa ne sarà, dunque, della nostra Vesuviana, compagna di viaggi (della speranza) di migliaia di passeggeri? 

In questo periodo si stanno riaffacciando i soliti problemi: sarà una nuova estate difficoltosa per i nostri trasporti? Hai notizie su eventuali cambiamenti in arrivo o dobbiamo rassegnarci allegramente al declino "a tappe" della fu SFSM?

Ti saluto, sperando in un cambiamento proficuo per tutti,
Gabriella. :-)


Per quanto riguarda i cambiamenti in arrivo, mia cara inviata, posso dirti che sabato 14 e domenica 15 e così probabilmente per tutti i sabati e domeniche estive, molti impianti attualmente aperti soltanto "mezza giornata" (dal lunedì al venerdì, con chiusura completa la domenica), saranno aperti e presenziati da personale. L'azienda in nome della sicurezza ha preso la felice decisione il giorno 11 u.s. 

In merito invece alle novità meno piacevoli, il 30 giugno prossimo scade la validità dello scudo che proteggeva l'EAV dai creditori. Ci sarà l'assalto ? 

giona


Carissimo Giovanni,
a completamento della mail alcuni articoli in rassegna stampa:





:'-(

Delle due l'una: o si fa modello non Giuditta, ma Norvegia, cioè si paga tutti per servizi impeccabili e a misura di cittadino (ovvero strategie adeguate e ragionevoli, non i metrostar bellissimi ma poco capienti per tratte affollate) , o la Tunisia con mezzi sporchi e scassatielli, ma nonostante tutto puntuali, e prezzi di 0,50 centesimi per 20 km (per intenderci, un biglietto fascia 4 Vesuviana andrebbe a costare un euro, ovvero meno dell'attuale fascia 1). Dimenticavo...0,50 eurocent è il prezzo del ticket prima classe...

Noi dove vogliamo stare? :-(

Con tanta amarezza,
Gabriella.





Nessun commento: