BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

13 aprile 2014

RICEVO E SU ESPLICITA RICHIESTA PUBBLICO CON PREMESSA...

Nel momento in cui ho messo assieme questa premessa per il post che segue, il "contavisite" di questo blog segnava, (dal 30 novembre 2011), 984533 visalizzazioni. Mancano quindi poco più di quindicimila "visite"per raggiungere la cifra di un milione di pagine visualizzate, in due anni e quattro mesi. Diciamo che un pò di visibilità , grazie alla partecipazione e alla collaborazione di tanti, questo blog se l'è conquistata. Sarà probabilmente per questo motivo che negli ultimi tempi si stanno affacciando su queste pagine, scritti recanti firme di personaggi di un certo calibro.  Ma possiamo anche aggiungere che questo è un blog libero, sul quale trasversalmente tutti hanno la possibilità di dire la loro, nel rispetto delle regole fondamentali della civile convivenza e mettendoci faccia e firma. Ciò detto aggiungo anche se per ultima, la cosa più importante. A monte della decisione di pubblicare o meno lettere, considerazioni personali e quant'altro, non c'è mai da parte del sottoscritto, la condivisione e/o il personale avallo su quanto pubblicato, ma a prescindere, soltanto l'intenzione di portare a conoscenza dei lettori, argomentazioni sulle quali ognuno resta libero di farsi una propria idea e perchè no, di eventualmente replicare. 

gioNa


"Le invio queste mie considerazioni quale contributo alla discussione aperta dall’avv. Lello Bianco con preghiera di pubblicarle sul Blog."

Distinti saluti
Giuseppe Racioppi
Ex A.U. di MetroCampania Nord Est



Qualche integrazione alla lettera dell’Avv. Lello Bianco

E’difficile aggiungere qualcosa  a quanto scrive l’avvocato Lello Bianco nella sua lettera al Presidente Caldoro, avendo egli espresso, da par suo, il pensiero di coloro che hanno fatto parte di una squadra che aveva conseguito risultati apprezzati da ogni parte; anche da quella parte politica che appena salita al potere ha saputo poi solo criticare invece di dare continuità ad un grande progetto già avviato.
Una piccola integrazione alla nota di Lello sento però il diritto/dovere di farla, pur non essendo io uomo di facili polemiche; ma quando, con molto poco stile, si viene chiamato direttamente in causa con nome e cognome, il chiarimento è d’obbligo.
Mi riferisco naturalmente alle dichiarazioni apparse sul Corriere del Mezzogiorno  del l’8 aprile , pubblicate anche sul vostro blog, relative agli emolumenti dei dirigenti del gruppo EAV.
Per il chiarimento di cui sopra è sufficiente riportare la tabella con gli stipendi dei dirigenti EAV pubblicata da tutta la stampa locale in data 12 novembre 2012 e ripresa anche sul vostro blog con una articolo satirico dal titolo “Chi ha vinto le paralimpiade?”.  Dalla tabella si evincono cifre alquanto diverse da quelle riportate nella suddetta intervista, in special modo per quanto riguarda la mia persona e la persona dell’intervistata.   



Mi sembra giusto ricordare che a seguito della pubblicazione della tabella e delle polemiche che ne seguirono, fu fatta a noi dirigenti una precisa richiesta di riduzione degli importi degli stipendi; proposta che trovò in  un primo momento,  una forte opposizione da parte di gran parte degli interessati, tra cui manco a dirlo…. Indovinate chi?     
Per ironia della sorte, è capitato che quasi in contemporanea alla pubblicazionel’articolo sul Corriere, sono  stati pagati stipendi cinque dirigenti dimissionati da più di un anno.  Un riconoscimento postumo di professionalità e competenze ormai merce rara nell’attuale classe dirigente dell’EAV?? 


Giuseppe Racioppi
Ex A.U. di MetroCampania Nord Est



P.S.:
Sul Mattino di Sabato 12 aprile,  nella rubrica “posta dei lettori” è stata pubblicata, una lettera dal titolo “Stipendi EAV, un errore subito corretto” a firma del D.G. di EAV.
Nessuno mette in dubbio che la società EAV attraverso i propri sistemi avanzati (molti ereditati dalle precedenti gestione) potesse rilevare “errori materiali che sempre possono succedere ….  Ci mancherebbe altro!!!! Normalmente comunque la verifica di una procedura si esegue prima di emettere documenti o effettuare pagamenti, ma comunque……
Nessuno mette in dubbio che gli ex colleghi citati nella lettera, di cui ben conosco la professionalità, abbiano rilevato l’ “errore materiale”.
Ma visto che sembrerebbe sia stato messo in dubbio il fatto che la segnalazione da parte  nostra  sia stata tempestiva e comunque precedente a qualsiasi comunicazione da parte dell’EAV, mi sembra doveroso riportare  la mia cronaca di quanto avvenuto  lunedi 7 aprile.
In prima mattinata, verso le ore 9, ho effettuato un controllo on line del mio C.C.  riscontrando, con comprensibile sorpresa, un accredito da parte di EAV tramite un bonifico per Stipendio emesso in data 4.4.14. Lo leggo più volte per essere certo di non stare ancora dormendo. Resomi conto di essere ben sveglio ho subito telefonato al dott. Roberto Riccardi  dirigente  responsabile del settore paga.  Roberto mi dice di non sapere assolutamente nulla, di non essere più responsabile degli stipendi dei dirigenti e comunque si impegna ad informarsi e a darmi notizie.
Alle ore 12,30 mi incontro con il dott. Massimo Cascone dirigente del settore amministrativo  presso il Consorzio Unico Campania dove si doveva svolgere l’assemblea dei consorziati, chiedo anche a lui lumi sull’accredito, ma anche lui mi dichiara di non saperne assolutamente nulla.
Verso le ore 13 mi telefona il dott. Riccardo spiegandomi che da informazioni assunte, si tratta di un errore e che sarei stato contattato per le modalità di restituzione.
Alle ore 13, 30 circa, telefono al dott. Maurizio Papagno che mi conferma che trattasi di errore contabile, non meglio precisato, e che mi sarà inviata una lettera per la restituzione della cifra.
Mi sono quindi confrontato con i colleghi “fuoriusciti” scoprendo che l’accredito è stato effettuato a tutti noi cinque. Inoltre, il dott. Accetta mi informava che lui aveva contattato telefonicamente il D.G. di EAV la sera di lunedì ed Ella aveva dichiarato di non conoscere affatto la questione.
Per una mia tutela ho comunque inviato il giorno 8 alla PEC dell’EAV una mail chiedendo di conoscere le motivazioni e la natura della cifra accreditata oltre alla documentazione relativa. La stessa  richiesta è stata effettuata direttamente all’A.U e al D.G. tramite lettera raccomandata.
A distanza di una settimana dall’accredito nessuna comunicazione è ancora arrivata .
Questi sono i fatti.  Le considerazioni le lasciamo a chi legge!!!!
G.R.





1 commento:

Marco ha detto...

Un solo commento: un'armata Brancaleone questa EAV.