BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

..... ...... ......

25 gennaio 2014

TESI ED ANTITESI DI UN ASSESSORE AI TRASPORTI

In data 23 abbiamo tenuto p.sso l’Assessorato ai Trasporti is.C3 una riunione su tema gare x servizi di Pulizia e presenziamento PL.
Abbiamo contestato all’EAV, la mancanza di qualsiasi vincolo per la partecipazione,la non congruità delle ore e dell’importo messo a gara,e cosa piu’ grave la logica del massimo ribasso.
L’assessore si e dichiarato meravigliato in merito alle mie affermazioni  sul fatto che a seguito delle ipotizzate chiusure di tratte da parte dell’EAV,ci sarebbero state perdite di posizioni lavorative nei PL e nelle pulizie ,meravigliati perché per lui non ci sono chiusure di tratte, e mai le autorizzerà, e poi ha detto che le risorse restano invariate.
Comunque noi abbiamo chiesto un confronto tecnico sui costi,una convocazione immediata con il comm.Voci e il blocco delle gare.

Nella riunione di stasera 24/01 l’Ass. ha annunciato che le risorse sono quelle approvate nel bilancio di prevision e approvato dalla Regione Campania.
Le risorse approvate per il 2014 incluso l’IVA sono pari a 676 ml/euro ,risorse per Ferro,Gomma ,E Marittimi,cosi distribuiti:
167 ml/euro per il ferro Regionale.
10   ml/euro della legge n.9 del 2010
162 ml/euro per Trenitalia
314 ml/euro per la gomma regionale
 21ml e 450000 euro per i servizi marittimi, il contratto di servizio per Caremar sarà prorogato oltre il 28 febbraio con provvedimenti del dott. Sarchiello

Inoltre ha dichiarato che alcune province hanno confermato i valori dell’anno scorso, come la provincia di SALERNO

Per l’acquisto di materiale rotabile  Ferro/Gomma sono stati reperiti 100 ml/euro.
 Ha dichiarato che lui è pronto per bandire le gare su Gomma con la logica del bacino unico diviso in 4 lotti :lotto prov.Napoli,Salerno ,Caserta, ed il 4° lotto Avellino/Benevento(ha fatto anche lui il presidio Irpinia /Sannio).

Inoltre anche per il ferro vuole bandire le gare suddividendo in 3 lotti:1) RFI+Metrocampania N/E
Lotto 2)ex SEPSA, Lotto 3) ex Circumvesuviana

La CISL ha chiesto che vengano forniti documenti su quanto affermato sugli stanziamenti economici, e  visto che lui dichiara che non ci sono stati tagli, perché le aziende di tutte le province continuano a convocarci per dichiararci gli esuberi, sia ferro che gomma.Per le gare gli abbiamo chiesto che dobbiamo incontrarci per verificare la fattibilita’delle stesse , sia sotto l’aspetto delle regole , e poi per stipulare gli accordi che garantiscano i livelli occupazionali, ed in modo particolare i livelli retributivi ,sia la parte Nazionale che quella Aziendale.
Inoltre ci debbono fornire notizie se è stato rifinanziato il fondo per l’esodo incentivato e per  i contratti di solidarietà, e la formazione.

Inoltre la CISL gli ha fatto notare che è veramente anomala la proposta delle gare per il ferro, anche considerando che adesso dovrebbe dividere di nuovo le aziende,che ha messo insieme neanche un anno fa’,forse la fusione serviva solo a diluire i casini che avevano combinato in qualcuna delle aziende che formano oggi l’EAV, questa pletora di dirigenti di cui alcuni totalmente  inutili. ,e poi come rende compatibile il tutto con il mandato del Comm.Voci ,che deve durare 5 anni.
Per le modalità con cui si è svolta la riunione, e la quasi immediata assenza di Caldoro che come garante dell’accordo sullo stato di crisi del TPL,risulta essere troppo assente

.Per la CISL le proposte sono impercorribili,e le risposte poco chiare, e poco esaustive,pertanto riteniamo che si debba andare alla proclamazione di uno Sciopero Generale dei trasporti in Campania.



1 commento:

vincenzo201 ha detto...

Domanda da passeggero profano di cose tecniche:
ammesso che non siano previste soppressioni e che l'assessore "mai le autorizzerà", che cosa succederebbe, se i treni adatti a circolare si riducessero ancora di più? Si sarebbe costretti a sospendere qualche tratta? Non la si chiamerebbe soppressione, ma l'effetto risulterebbe lo stesso.
Per rendere un esempio pratico, anche alcune linee bus non circolano da anni, anche se, ufficialmente non sono state mai soppresse.