BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

27 gennaio 2014

27 GENNAIO 2014 - PER NON DIMENTICARE L'ORRORE, MAI!



L'attento, sagace e puntuale GioNa, Webmaster di www.vesuvianando.blogspot.com, ha trovato una mia significativa foto: sono ritratto con Elisa Springer, deportata nel campo di concentramento di Auschwitz nel 1944 da parte delle belve naziste. Figlia unica di una famiglia ebrea (di origini ungherese), nacque a Vienna il 12 Gennaio 1918 da commercianti austriaci, rimase prigioniera fino al Maggio del 1945, riuscendo a sopravvivere alle terribili condizioni di vita del campo!

Della sua storia ne fece libri-testimonianza: "Il silenzio dei vivi" e "L'eco del silenzio", "presentati" in tutt'Italia.
Tramite don Tonino Palmese, Referente Regionale di Libera, la conobbi e la "presentai" in una Manifestazione anti-razzista, intervistandola dinnanzi ad un folto ed attentissimo pubblico.
Nella foto si intravede il tatuaggio-marchio degli ebrei, cattolici, comunisti, omosessuali, nomadi prigionieri dei campi: A - 24020.
Morta a Matera il 20 Settembre 2004, per me rimane il simbolo della follia nazista, dell'abbrutimento dell'uomo sull'uomo, della schiavitù.
Dalla sua bocca uscivano parole dense, pregne di amarezza, dolore per quanto vissuto sulla propria pelle, con il rammarico di essere sopravvissuta a differenza di tanti altri, a cominciare dalla vicina di baracca Anna Frank...
Chi vuole può conoscerla un pò di più acquistando i sopraccitati libri o, perchè no?, ricordarla ascoltando "Auschwitz" nella versione di Francesco Guccini o dei "Nomadi".
EMILIO VITTOZZI



Nessun commento: