BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

E' DECEDUTO IL COLLEGA ALFREDO CIARAMELLA.LE ESEQUIE OGGI POMERIGGIO ALLE 17.00. LA MESSA PRESSO LA CHIESA DELL'IMMACOLATA DI VIA LEOPARDI IN NAPOLI. ....

28 settembre 2013

DALLA COLLAUDATA COPPIA VITTOZZI-SCALA RICEVO E VOLENTIERI PUBBLICO

Dopo essersi recati presso l’Albero della Legalità sito in Piazza Municipio a Napoli (Martedì 19 Giugno 2012), i giardini di Silvia Ruotolo a Piazza Medaglie d’oro a Napoli (Sabato 18 Novembre 2012), l’albero contro cui si schiantò Paolino Avella a San Sebastiano (Martedì 25 Giugno 2013), Tonino Scala ed Emilio Vittozzi, Autori del libro “Quella sporca dozzina”, il cui ricavato va alle Vittime della camorra, Giovedì 26 Settembre 2013, si sono recati presso le stele che ricorda tutti i morti ammazzati che si trova in Piazza Plebiscito a Napoli, a ridosso del Palazzo Reale, prima di iniziare Via Santa Lucia.
Dinnanzi al monumento, i due si sono raccolti in silenzio, deponendo un semplice fiore sulla base della stele e legando la copertina plastificata del loro libro alla catena che circonda il tutto.
Di lì, poi, si sono recati in Vico Vetriera a Chiaja, dove è situata la targa che ricorda il sacrificio di Maurizio Estate (17 Maggio 1993) ed è stato realizzato “Il giardino di Maurizio” (nel Maggio 2006).

Maurizio Estate, che non è riconosciuto come Vittima di mafia!, fu ucciso per aver tentato di sventare uno scippo. Fu un assassino premeditato! Aveva solo 23 anni e lavorava presso l’autolavaggio del padre. L’assassino lo uccise per il suo coraggio, per aver reagito ad un tentativo di rapina avvenuto sotto i suoi occhi. Nel luogo ove avvenne il tutto è stata posta una lapide ed è stata, in seguito, realizzata un’aiuola. Che non può essere innaffiata dai Lavoratori della “Caffetteria Estate” perché l’ARIN ha chiuso il rubinetto dell’acqua… Cosicché passa molto tempo, fra un intervento e l’altro, per avere l’opera degli addetti comunali al giardinaggio…


Ma ricordare è importante! Una città senza memoria non ha futuro: è facile andare via, il difficile è vivere qui a Napoli… Ma non possiamo andarcene: dobbiamo sperare ed essere sempre di più a farlo!!
Ecco il motivo per cui Tonino ed Emilio, dopo i primi 3 “omaggi” di cui si parlava ad inizio, si sono recati a Piazza Plebiscito e a Vico Ventriera…

Per non dimenticare i sacrifici di tutti costoro!

Nessun commento: