BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

......

18 dicembre 2012

I COLLEGHI DI EAV BUS, DA STAMATTINA BLOCCANO IL DEPOSITO DI VIA G. FERRARIS

SALVE AMICI DI CIRCUMVESUVIANA. OGGI UNA GIORNATA NERA PER QUESTA AZIENDA CHE NON TROVA PACE IN NESSUN MODO! PROSSIMA ALLA FINE DEFINITIVA O FORSE AD UNA LENTA RIPRESA! E' QUESTO CHE LOGORA I LAVORATORI. QUESTO SAPERE NON SAPERE. QUESTO DIRE NON DIRE. OGNI GIORNO UNA NUOVA BRUTTA NOTIZIA SPEGNE QUEL POCO DI SPERANZA CHE CERCHIAMO DI IMMETTERE NEI NOSTRI CUORI! IERI SERA AVRETE SENTITO BENIGNI....MI AUGURO PER VOI CHE GLI ABBIATE PRESTATO UN POCO DEL VOSTRO TEMPO. MI SONO SENTITA ORGOGLIOSA DI ESSERE ITALIANA!!!! ERA TANTO CHE QUESTO SENTIMENTO SI ERA ASSOPITO NEL MIO ANIMO....EBBENE LUI, IL GUITTO CHE IL MONDO CI INVIDIA È STATO CAPACE DI SPIEGARE AI GIOVANI E DI RICORDARE AGLI ADULTI LE BATTAGLIE LE MORTI E GLI ONORI CHE I NOSTRI VECCHI HANNO SUBITO E A VOLTE SCELTO! SIAMO FIERI DI CHI HA SCRITTO PER NOI COL PROPRIO SANGUE LA NOSTRA LIBERTÀ. MA QUANDO MI FERMO UN ATTIMO A PENSARE LA SUA FRESE PIÙ BELLA < SENZA LAVORO E SENZA STIPENDIO IO NON ESISTO > MI VIENE UN GROPPO ALLA GOLA CHE OSCURA LA MENTE. SI NON SIAMO NESSUNO SE NON PARTECIPIAMO ALLA PRODUZIONE DELLA RICCHEZZA DEL PAESE! PURTOPPO SENZA STIPENDIO NON SI VIVE E NEMMENO SI PAGANO LE TASSE CHE OGNI MESE DA ESSO VENGONO DETRATTE! NON SO PIÙ AVERE FIDUCIA IN QUESTO MOMENTO.... MA CERCO DI NON ABBATTERMI E VI SPONO AFRE LO STESSO!
VICINA NEL DOLORE. 

SANTA BOSSA 

ULTIMI AGGIORNAMENTI

IL BLOCCO SI E' ESTESO A TUTTI I DEPOSITI EAV BUS. TUTTI I MEZZI SONO FERMI. LA PROTESTA E' ORMAI DILAGATA.  



1 commento:

vincenzo201 ha detto...

Da quando c'è l'Eavbus, le paline non sono mai aggiornate. Esistono ancora tabelle con la scritta SEPSA.
In alcuni Comuni, esempio San Giorgio a Cremamno, non ci sono mai state nemmeno le paline semplici, quelle bianche e azzurre, non dico la tabella con i passaggi. Ci sono strade i cui abitanti nemmeno sapevano che vi passava l'autobus.
Risultato: i mezzi circolavano vuoti e ignorati. Non parliamo dei percorsi che cambiavano senza alcun preavviso. Il lavoro va difeso, nel momento in cui ci si rende conto che non viene data la possibilità di svolgerlo come si deve. Ora è tardi.