BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

..... ...... ......

29 novembre 2012

MACCHINISTA CIRCUM MINACCIATO


Circum, treno in ritardo
minacce al macchinista

Colpito con calci e pugni il vetro dell'abitacolo nella stazione di Barra da passeggeri infuriati. L'uomo ha subito uno sbalzo di pressione.


Un macchinista della Circumvesuviana, Vincenzo Schettino di 50 anni, è stato minacciato da un gruppo di viaggiatori poco prima delle 8.30 nella stazione di Barra. Il ferroviere ha subito uno sbalzo di pressione ed è stato visitato dai medici dell'ospedale Villa Betania 
Alle difficoltà economiche della Eav Holding di queste settimane - ha reso noto la Circumvesuviana - si sono aggiunti stanotte problemi tecnici dovuto al maltempo. L'acqua ha invaso alcune sottostazioni, provocando ritardi ai treni. La situazione si è adesso normalizzata.
La Circumvesuviana ha espresso solidarietà al macchinista ed ha annunciato che fornirà alle Forze dell'ordine gli elementi necessari all'identificazione dell'aggressore. Nella stazione di Barra sono in funzione telecamere che dovrebbero aver ripreso le fasi dell'aggressione.
ProbIemi anche nell'area a Nord di Napoli. I treni di Metrocampania Nordest, nella tratta da Aversa a Piscinola e viceversa, stamane non hanno effettuato servizio nella fascia oraria tra le 6 e le 9.45. Poi però il servizio è tuttavia ripreso, fanno sapere dall'azienda, che fa parte del Gruppo Eav.
Senza preavviso, chi ogni mattina utilizza quei treni per spostarsi si è trovato bloccato in una delle stazioni della tratta che collega il territorio provinciale alla periferia di Napoli. Anche o scorso giovedì si era verificato un simile episodio e l'azienda che fa capo al Gruppo Eav, holding dei trasporti in Campania, ha presentato un esposto in Procura per interruzione di pubblico servizio. Al momento l'azienda sta valutando se agire nello stesso modo.

7 commenti:

Karla ha detto...

Non ho parole... qui si tratta proprio di ignoranza della gente! Capisco che stanno incavolati ma sto povero macchinista che cavolo centrava? bha assurdo !!!

Anonimo ha detto...

Tanti complimenti a chi soffia benzina sul fuoco con interviste. Non posso dire se siano frutto della malafede o della premeditazione ma di certo producono dei risultati che inquietano.
Il SIGNOR(si tratta di signore VERO)Spagnuolo scrisse"purtroppo chest è ò legnamme".
Per dirla in napoletano LUI signore lo nacque....

Caustico

vincenzo201 ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Dopo tutto quello che hanno pubblicato giornali , tabelloni elettronici ed in ultimo intervista mandata in onda da striscia la notizia cosa vi aspettavate di più' .?GRAZIE GRAZIE

Anonimo ha detto...

Che orrore! No alla violenza! Forse la ragione delle recenti aggressioni sarà l'esasperazione di lavoratori che dopo una giornata di lavoro vogliono tornare a casa per stare con la famiglia, o anche soltanto arrivarci a lavoro e magari non prendersi un occhiataccia dal datore. Sarà così, voi che dite, questo vi sembra un motivo valido? Potrei anche fare il caso degli studenti che si perdono la lezione all' università, non porta all'esasperazione questo, che è la causa di questi gesti da condannare? Del resto state usando la gente per le vostre rivendicazioni si o no? E la gente che paga l'abbonamento, che è esasperata, reagisce anche male ed altro modo per manifestare il disagio non ce l'ha!

Anonimo ha detto...

C'è qualcuno che veramente si meraviglia dell'episodio (assolutamente deprecabile)? Io penso più concretamente che dovete mettere in conto anche questo come reazione dei viaggiatori alla vostra pseudo vertenza con l'azienda in nome della sicurezza!

Anonimo ha detto...

No alla violenza fisica! Ma voi ci state friggendo il cervello con una violenza psicologica! La notte non riesco a dormire perchè ho l'ansia di non riuscire a trovare un treno che mi porti a napoli, faccio gli incubi e mi sogno di perdere il treno...sembrerò pazzo, ma è solo il delirio di chi non ha alternative e può affidarsi solo a voi, e che probabilmente con questa storia ci andrà solo a rimettere!