BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

20 ottobre 2012

DA IL MATTINO.IT. Passeggero della Circum colpisce controllore e gli rompe il setto nasale.


NAPOLI - Ennesima aggressione stamattina a personale della Circumvesuviana impegnato in un servizio di controlleria nella stazione di Napoli Porta Nolana. Lo rende noto la società stessa. «Un giovane, riuscito poi a fuggire, ha violentemente aggredito un controllore, che aveva solo commesso l'errore di chiedergli di esibire il biglietto , procurandogli la rottura del setto nasale - si legge nella nota - Il dipendente, prontamente soccorso dai colleghi, è stato trasportato nel più vicino ospedale dove gli sono state garantite le cure del caso».


La Circumvesuviana, che ha già «presentato denuncia per l'accaduto, insieme ai vertici di Eav holding, esprime la più totale solidarietà al proprio dipendente, vittima di una vigliacca e brutale aggressione».

L'assessore ai Trasporti e alle Attività produttive della Regione Campania, Sergio Vetrella, esprime la propria solidarietà al dipendente della Circumvesuviana aggredito da uno sconosciuto mentre era impegnato in un servizio di controlleria nella stazione di Napoli Porta Nolana.

«In un momento certamente non facile per l'azienda e l'intero gruppo Eav - dice Vetrella - impegnati con la Regione in uno sforzo senza precedenti per cercare di risanare i conti e portare i servizi di trasporto progressivamente a livelli di efficienza e qualità, mi sento in dovere di esprimere la mia vicinanza al dipendente aggredito mentre stava svolgendo il suo lavoro e alla sua famiglia, con l'augurio di una pronta guarigione e l'auspicio che episodi del genere non accadano più».

«Combattere l'evasione, che purtroppo nella nostra regione è ancora molto diffusa, è una delle azioni fondamentali per il rilancio dei trasporti su ferro, e per questo abbiamo istituito una task force di ispettori dell'assessorato e potenziato e migliorato i servizi di controllo nelle stazioni e sui treni», sottolinea.

«Quanto accaduto - conclude Vetrella - ripropone ancora una volta il problema della sicurezza dei lavoratori e dei viaggiatori, per migliorare la quale ho già chiesto più volte la possibilità che le forze dell'ordine affianchino i nostri controllori, anche perchè questi non hanno in caso di necessità nessun potere giudiziario. Stesso problema per quanto riguarda i numerosi episodi di vandalismo che avvengono sui treni e che oltretutto causano notevoli danni alle aziende».

4 commenti:

Anonimo ha detto...

a Porta Nolana ci sono molte telecamere, spero che l'autorità preposta abbia pensato di visionare le registrazioni

Ciro Venditti ha detto...

bla bla bla e ancora bla bla bla....raddoppiate il personale di controllo...affiancategli le guardie giurate...riaprite le stazioni impresenziate e rimontate i tornelli che tanto sollecitamente appena un anno e mezzo fa ci imponevate di sorvegliare e tenere sempre chiusi...ridateci gli abbonamenti...QUESTO significherebbe avere a cuore il problema....e invece....bla...bla....bla....e ancora bla...bla...bla......

Anonimo ha detto...

Eviva il paese delle meraviglie si ripopola.
Alice non resterà sola.
Basterebbe frequentare le nostre linee e le nostre stazioni(sopratutto quelle impresenziate)negli orari serali sui nostri meravigliosi ed igienicamente e meccanicamente ineccepibili Fe220 o sugli T21....ma questo sarebbe un problema meglio visitare le linee sui Metrostar in orari di scarsa affluenza e rimanere gratificati del servizio di cui disponiamo noi cittadini della provincia di Napoli.

Con un pò di fortuna prima troveranno il Brucaliffo o il Bianconiglio ?

Simm carn è maciell..quando và bene sputazzate in faccia...
Intanto continuano a pigliarci per il **lo
GRAZIE possiamo solo dire grazie.

Russo A.

Anonimo ha detto...

Accessi alle sale d' attesa valicabili solo con titolo di viaggio e un viaggiatore per volta. Gli attuali varchi sono insufficienti.
Videosorveglianza in tutti gli impianti, effettuata da personale presente e in maniera anonima, per prevenire lo stesso da minacce o ritorsioni e per garantire un pronto intervento in caso di necessità.
Controlleria su ogni treno e distribuzione lungo la linea di un numero sufficiente di agenti tali da garantire un pronto intervento per la sicurezza del personale e dei viaggiatori.
Uscita dal Consorzio, e vendita dei titoli di viaggio propri della Circumvesuviana, con l' aggiunta di quelli del consorzio ( vendita con percentuale) abbonamenti compresi.
Utilizzo di tutti i locali delle stazioni dandoli in affitto o in prova a giovani per progetti da inviare in seguito a bando di concorso.
Utilizzo delle linee anche per trasporto merci ( magari nelle ore notturne), con relativi depositi di smistamento nei locali stessi della Circumvesuviana.
Invece di inaridire le stazioni facendole diventare terra di nessuno, popolarle con attività quali: Palestre, Cinema, Teatri, Discoteche, Affittacamere, Punti turistici di incontro,ecc. ecc. Si potrebbe potenziare il servizio, magari a orario continuo che vada a supporto di esse. Si assumerebbe invece di licenziare.
C' è tanto da poter fare, volendo si potrebbe portare questa società a livelli di eccellenza da fare invidia, un potenziale che invece viene lasciato lì a marcire, ma cosa si sta aspettando? Chi deve decidere?
Angelo Buonocore