BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

..... ...... ......

2 settembre 2012

LA CIRCUM ASSENTE AI FUNERALI DI SOMMA



Omelia-denuncia: “Abbandonati da chi ci governa”
AI FUNERALI delle due sorelle Annunziata, travolte e uccise da un treno della Circumvesuviana a un passaggio senza barriere, assenti amministratori, dirigenti della Circum e politici, tranne i sindaci di Somma Vesuviana e Ottaviano. Dura l’omelia del parroco: “Periferia abbandonata da chi ci governa”. La scatola nera è all’esame dei carabinieri del Ris.

DAL NOSTRO INVIATO
SOMMA VESUVIANA    


FONTE: QUOTIDIANO "LA REPUBBLICA" DEL 2 SETTEMBRE 2012 VII DI CRONACA

— Le commissioni, l’inchiesta, gli esami. Ma la famiglia di Grazia e Maria Rosaria Annunziata è rimasta sola con il suo composto dolore. In chiesa ieri soltanto familiari e amici sconvolti dalla notizia improvvisa di giovedì. Niente politici, ammini-stratori, dirigenti di azienda, solo i due sindaci di Somma Vesuviana, Ferdinando Allocca, e di Ottaviano, Mario Iervolino. Due bare affiancate con le sorelle che un treno della Circumvesuviana ha travolto sui binari a un passaggio senza barriere, rose rosse per Grazia “moglie e madre esemplare”, bianche per Rosaria, “maestra materna”, come è scritto sul manifesto funebre di cui sono tappezzati i muri di Somma Vesuviana. Che non è solo una formula, lo conferma una delle nipoti, che sull’altare legge l’addio alle “zie eccezionali, sempre presenti, sempre disponibili. Per far capire a tutti chi ci hanno portato via».
Severe le parole del sacerdote don Giuseppe Mastronardi della chiesa di Santa Maria di Costantinopoli a Rione Trieste, a pochi metri dalla ferrovia della tragedia. «Non è il luogo adatto a fare polemiche - dice nell’omelia - ma certamente viene da chiedere come mai nell’epoca di una tecnologia così avanzata si possa ancora morire così. Le periferie sono dimenticate da governanti e amministratori locali,
e ci si accorge che esistono solo in momenti come questo. Eppure qui c’è gente che contribuisce con il lavoro alla vita di tutti noi, gente che paga le tasse come gli altri. Ci auguriamo che questo triste evento possa far riflettere chi di dovere».
La faccia tra le mani, piangono Pasquale Ferrara, impiegato comunale e marito di Grazia, e i figli ventenni, Vito e Luciano. In prima fila, l’unico fratello dell’insegnante
e della proprietaria del terreno dove coltivava funghi e nocciole, Michele, le altre due sorelle, Annamaria e Antonietta e tutti i nipoti. Hanno tutti le mani consumate dal lavoro e i segni di chi ha pianto per 48 ore, senza smettere mai. Un dolore che non fa posto alla rabbia, esplosa solo al momento della morte della seconda donna: «Ditemi se nel 2012 si può ancora morire per un passaggio
a livello senza barriere?», ripete ancora uno dei nipoti avviandosi con il corteo al cimitero di Somma.
Due incidenti e tre morti in otto ore nel giovedì nero della Circumvesuviana, con Nunziato Bianco di Scafati, che ha perso la vita in un passaggio a livello dello stesso tipo a segnalazione ottico-acustica all’altezza di Poggiomarino. La Procura di Nola indaga insieme con quella
di Torre Annunziata, che ha inviato la scatola nera del treno al Ris. «Un problema da risolvere - ha detto il primo cittadino di Somma - nel nostro territorio sono quattro i passaggi con la croce di sant’Andrea, due a Rione Trieste e due a Mercato Vecchio. L’Eav deve almeno installare le barriere che fermino pedoni e vetture». 'Troviamo vergognoso - scrivono in una nota i Verdi Ecologisti - che né i vertici della Circumvesuviana né gli assessori regionali abbiano pensato di rendere omaggio a queste povere vittime. Mancava l’assessore Vetrella e anche il consigliere provinciale del Pdl Gennaro Carbone, che è anche amministratore della Circum”. “Bisogna focalizzare l’attenzione verso tutti quei problemi legati alla sicurezza e alla manutenzione - scrivono nel loro blog i dipendenti della Circum da troppo tempo abbandonati e dimenticati e quello dei Soa resta un problema aperto, urgente e drammatico che attende da troppi anni una soluzione”.

1 commento:

Anonimo ha detto...

CINISMO
(Comunemente il termine "cinismo" è stato associato in termini di sinonimia alla sfacciataggine, all'indifferenza.)


Alle esequie nessun politico,nessun Amministratore Unico,nessun dirigente....
Assente la Circumvesuviana (e assente l'E.A.V)..

Sarà " colpa " della Commissione,sarà il procedere dell'inchiesta,sarà che gli esami per la CIRCUMVESUVIANA non finiscono mai, sta di fatto che i nostri pataccari incapaci di gestire un condominio,non ne azzeccano una..

E così,tranne i due Sindaci,i familiari,e gli amici:nessun dirigente rappresenta il dolore di quanti in azienda lavorano e vivono per garantire e assicurare la sicurezza di cittadini e lavoratori....Niente di niente....
SENSIBILITA' NESSUNA;INCAPACITA' A RECEPIRE I SENTIMENTI DI UNA COMUNITA' COLPITA DAL DOLORE:TANTA;...FRAGILITA' E SENSAZIONI EMOTIVE:ASSENTE;CINISMO:PRESENTE....
E' l'ennesimo FLOP della nostra classe dirigente!
-------------------------------------------
Un tema strettamente connesso agli interventi sulla SICUREZZA sono le risorse economiche ed il PIANO DI RISANAMENTO...
A tal riguardo l'Amministratore Unico dell'E.A.V.,POLESE, ha dichiarato:Il punto centrale,comunque,è sempre quello delle risorse economiche...La Regione ha presentato un cronoprogramma che sta andando avanti come previsto...Il Governo ha emanato la DELIBERA ed a giorni aspettiamo la NOMINA DEL COMMISSARIO AD ACTA....
Sono addolorato per le vittime ed esprimo solidarietà anche ai macchinisti,ma dalle prime verifiche posso dire che si è trattato di incidenti stradali(SIC!)...Il sistema di segnalazione ottica acustica è previsto dalla normativa e dal codice della strada...
Dirò di più:questo sistema,non può essere modificato quando i binari passano in strade di campagna..
Mettere le sbarre costerebbe circa 200 mila euro a a passaggio a livello e sarebbe una spesa anche sostenibile...Il problema vero è ottenere l'esproprio dei terreni...Costi altissimi e tempi burocratici infiniti....

Che dire?Il MegaAmministratore la pensa così!!!
L'ex Sindaco,l'ex professore,e l'ex socialista del sol dell'avvenir che irradia il futuro mondo del progresso,ha smarrito il Sole nascente....
Caro Nellino,una domanda sorge spontanea:I tagli lineari possono mai riguardare la Sicurezza???
Con questa ennesima tragedia,si evidenzia la fallimentare politica di tagli,investimenti e spreco ….…..In altri tempi avrebbe fatto scalpore il problema di alcuni Impianti su cui si indaga per manifesta INSICUREZZA!!!! Una cosa inaudita,eppure salvo qualche asciutto commento,la faccenda non sembra interessare più di tanto…..Dicevano i latini il Denaro non ha cattivo odore,è il modo in cui si sperpera che puzza di morte…..E noi puzziamo di morte….
Mentre dilapidavamo i talenti tra:spreco , consulenze e nuove infrastrutture costruite e lasciate colpevolmente in degrado tra ruggine e abbandono,lesinavamo risorse nei reparti operativi….Ditemi sono stati messi in sicurezza i circuiti interessati al deragliamento del 6 agosto? E quelli sottoposti al vincolo del rallentamento?….
Ed allora vuò verè che il problema non sono le inefficienze e le negligenze di una grande azienda di trasporto ferroviario,ma diventa deplorevole il comportamento del lavoratore che denuncia il degrado,lo sfascio e il fallimento delle politiche industriali e della burocrazia che l’ha diretta?
In un’azienda oberata da debiti e da sfascio organizzativo occorrerebbe una presa di coscienza per salvare e gestire il salvabile…. .E invece niente…. Sembra che gli ufficiali continuano a pensare che navighiamo in acque placide e tranquille… Invece è un’imbarcazione abitata da fantasmi e da follia……Tutti fermi!
Nel frattempo continuiamo ad aspettare il BIANCONIGLIO!(IL COMMISSARIO)

"La trasparenza sugli incidenti,le loro cause,gli effetti che ne conseguono,e le responsabilità sono un dovere etico,prima che giuridico...E la sicurezza ferroviaria è un " BENE COMUNE " da difendere........"

Frate Guglielmo