BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

E' DECEDUTO IL MACCHINISTA IN PENSIONE PASQUALE COPPOLA...

27 maggio 2016

RICEVO E PUBBLICO

PETRU? PRESENTE!

Giovedì 26 maggio la stazione di Montesanto dell’ex Cumana è stata intitolata a Petru Birladeanu, vittima innocente della camorra.
Il giovane fisarmonicista rumeno fu ucciso durante una cosiddetta “stesa” (corteo armato di moto) ad opera di camorristi, morendo fra le braccia della moglie Mirela e l’indifferenza dei passanti!
“Perché non sia un’altra delle morti dimenticate di questa terra” è quanto hanno scritto i militanti del presidio di Libera Vomero-Arenella, organizzatori dell’intitolazione, con l’avallo dell’EAV e il patrocinio della Regione Campania.
La stazione di Montesanto, dalle 9 circa, è stata meta di decine e decine di persone che hanno partecipato alla cerimonia coordinata da Geppino Fiorenza di Libera.
Fra i tanti interventi, il più applaudito è stato quello di Maria Teresa Nicastro, Referente del Presidio di Libera Vomero-Arenella, che con passione ha raccontato la storia di Petru, una storia che “deve graffiare dentro”. Nonostante un’amplificazione a dir poco scarsa (!), Maria Teresa ha colpito tutti con le sue parole mirate a far riflettere i presenti ed “omaggiare” lo sfortunato Petru: applausi convinti, prolungati a testimonianza della validità del discorso.
A rendere onore alla memoria di Petru anche il Presidente dell’EAV (Umberto de Gregorio), l’Assessore alle Politiche Sociali della Regione Campania (Lucia Fortini), il Presidente della Fondazione Polis (Paolo Siani), il Referente Libera Campania (Fabio Giuliani), Roberto Ormanni e la sua chitarra.
Alle 11,20 è stata scoperta la targa intitolativa da Susy Cimminiello, sorella di Gianluca, anch’egli vittima innocente della criminalità, insieme alla gia citata Maria Teresa Nicastro, fra un applauso prolungato, convinto, affettuoso, ricco di speranza dei tanti presenti, tutti impegnati ad immortalare vari momenti della riuscitissima manifestazione.
Un mazzo di fiori colorati, deposto sotto la teca contenente la fisarmonica dello sventurato trentatreenne rumeno, è la degna conclusione di una significativa e riuscita manifestazione…







Nessun commento: