BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

....

3 marzo 2015

"QUANDO SARO’ GRANDE" DI FABIO MIELE

Mentre molti giovani d’oggi si limitano a comunicare via email, sms, facebook con un linguaggio quasi tribale, certamente non in Italiano, avere in mano un piccolo libro, del costo di €11,00, scritto da un giovane è cosa che lascia un tantino perplessi.

Fabio Miele, figlio del collega Luciano operatore addetto alla sorveglianza, ha scritto questo testo che è consigliato a tutte le scuole, cominciando dalla quinta elementare in poi, potendo essere paragonato ad una “guida” per i ragazzi che si stanno formando nella vita quotidiana, per intensità e per il significato.


Il protagonista di questo romanzo, Phil, crede che la vita inizia e finisca attraverso i Social Network sopra citati: infatti dobbiamo ammettere che non c’è più contatto fisico, un contatto telefonico, addirittura non esiste più un “Ciao, come stai?”. Il suo amico, Drake di Tigerville, gli fa capire i Valori della vita.
A tal proposito voglio ricordare a tutti gli Amici di Vesuvianando cosa sempre succede quando su Facebook si annuncia un Evento, una Manifestazione di protesta: i “mi piace” e i “partecipo” non si contano… Tutti a cliccare su quei due tasti… Poi si va in piazza e ci sono i soliti… quattro gatti. Quelli veramente incazzati, quelli veramente impegnati, quelli che non si abbattono per la pioggia, il vento, il freddo o per la data e l’orario della manifestazione.


Per le feste natalizie dell’anno scorso volli comportarmi in un modo che lasciò molti sorpresi: risposi a viva voce, tramite cell, a tutti gli sms, a tutti i post di fb, a tutte le email inviatemi per augurio. Intendevo, così, riappropriarmi di una cosa piacevole: scambiare due chiacchiere, in libertà, a voce, non per iscritto… Anche solo per dire “Ho ricevuto i tuoi auguri: ti ringrazio di cuore, al punto che ho voluto telefonarti subito…”. Pur non disdegnando la corposità di un biglietto scritto a mano…
Ecco perché, in tal senso, il libro “Quando sarò grande” di Fabio Luciano Miele ha una sua particolarità, un suo specifico senso.
Per questo si augura all’Autore un buon successo di vendita e di critica.

Ad majora!

Emilio Vittozzi

1 commento:

il postino di baskerville ha detto...

" Molti amici virtuali,solitudine reale.."...

Caro Emilio è il nostro cellulare che è diventato un ostacolo alle connessioni umane...Quindi,è un limite e non un mezzo di arricchimento della nostra vita.
In una società liquida,è facile confondere il virtuale con il reale...
Lo smantellamento delle sicurezze e una vita liquida sempre più frenetica "costringe"il singolo ad adeguarsi alle attitudini del gruppo per non sentirsi escluso....
Un S.M.S. non si nega a nessuno e con la comodità di restare al calduccio nella propria abitazione,possiamo persino tastare sul P.C per comunicare una nostra partecipazione ad una manifestazione,(persino ad un evento);avvenimenti che non vedremo mai.....

I “mi piace” e i “partecipo” si sprecano… Tutti a cliccare su quei due tasti magici...

Pigiare un tasto:non costa sacrifici, e ci rende simpatici ai 150-200-300-1000 amici che frequentano le numerose tribù di Facebook...
Trovo veramente interessante questa competizione in rete a chi detiene il record di amicizie...
Vorrei conoscere il significato che ognuno di noi attribuisce ad una relazione...
Ovvero:Che valore diamo e come costruiamo le nostre relazioni.....

Per quale motivo:siamo ossessionati dal contatto virtuale che ci perseguita in maniera compulsiva in ogni momento della giornata....Persino in treno,oppure al Bar mentre consumiamo un caffè......
La tentazione di sbirciare, leggere, twittare è veramente forte! Un piccolo tocco… sì dai… magari mentre la persona davanti a noi ci parla...


Preferiamo rintanarci nel mondo virtuale del contatto internet a quel mondo reale del rapporto personale che poteva essere anche conflittuale,ma portava con se il dono della chiarezza.... Era visivo:la mimica facciale,nonché la gestualità del movimento rivelava al mondo reale le vere e autentiche convinzioni dell'amico,del compagno,del collega........

Per concludere:sarebbe meglio spegnere il computer, uscire di più di casa e crearsi una “rete” di amici nel mondo reale....
La libertà è partecipazione ci ammoniva GIORGIO GABER....
Ed è una partecipazione sia alla vita che alla democrazia.....Per sfuggire ad un omologazione che diventa ogni giorno più spietata....