BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

18 luglio 2014

BRUNO VINCI E IL VALORE DELLA PACE OGGI

IL VALORE DELLA PACE OGGI 

Il 17 luglio 2014, qualcuno, seduto alla console di un sistema missilistico SA-N-11 ha agganciato un bersaglio nel cielo ucraino, un bersaglio sbagliato.Ha sbloccato il pulsante “запуск” che letto da noi ha un suono ridicolo “Zapusk: lancio”, ma per 295 persone era la gelida firma della morte, in quell’istante i quasi 700 kg del missile BUK di fabbricazione russa (ex CCCP) si sono avviati a velocità  supersonica guidato dal sistema radar fino a centrare l’obbiettivo uccidendo quasi trecento pezzi di umanità ignara e innocente. Uccisi dalla vigliaccheria umana, dall’irresponsabilità di premere un bottoncino, dalla fragilità di quella guerra nascosta e invisibile che chiamiamo pace. Tempo fa vi dissi dei pericoli di una guerra vicina, lo scrissi per chi ha la pazienza di leggermi io sono stato un militare abbastanza in gamba ed esperto di armi, per capire che le armi di oggi fanno sentire un qualsiasi coglione onnipotente come Dio. E le armi come i missili BUK eliminano anche gli scrupoli non costringendo l’esecutore a guardare il massacro creato, magari, rintronato da mezza bottiglia di Vodka. Il popolo russo è un popolo eroico e ha la passione e il coraggio per difendersi e non amano ammazzare gli innocenti. Per questo mi auguro che non stanno diventando indifferenti come noi europei, ormai avvezzi a un mondo crudele e coerenti con esso. Ci limitiamo a sguardi di compassione verso i poveri palestinesi rei di colpire con razzi il Bunker Israele e vederli massacrare in rapporto di 230 a 1 (dati di oggi). La vera pace e la tolleranza ha valore se sostenuta dal coraggio delle persone giuste, non da un coglione che sedeva stamattina davanti al radar e del SA-N-11 che su un puntino radar  credeva di vedere un Antonov 72 ucraino e invece era un Boeing 777 della Malaysian Air Lines.



Almeno riflettiamo
Saluti da Bruno

                               

Nessun commento: