BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

..... ...... ......

25 giugno 2014

SENZA SBOCCO L’EAV BUS E LA CIRCUMVESUVIANA ?

SORRENTO - Sembra proprio che si siano imboccate strade senza uscita sia per l’EAV Bus che per la ex Circumvesuviana.

 Foto di Rosario Criscuolo

Infatti per i primi l’estate appena cominciata si preannuncia rovente, tutto a discapito dei malcapitati fruitori del servizio di trasporto pubblico su gomma. Da voci di corridoio, l’orario estivo che prevede autobus con passaggi temporali ridotti fra una corsa e l’altra, ed il conseguente aumento dell’orario di servizio con l’ultimo autobus in partenza verso la città del Tasso, dal capolinea di Meta Spiaggia alle 0.20 come succedeva nelle scorse estati, stenta a partire. Questo non a causa come accadde qualche anno fa per mancanza del personale addetto alla guida delle vetture, ma bensì questa volta per mancanza degli autobus. Infatti come già riportammo qualche giorno fa, un bus appena rimesso ‘in linea’ subito dopo essere uscito dal garage aziendale per riparazioni, si ferma in strada con i passeggeri a bordo all’altezza di Pozzopiano (fra Sant’Agnello e Piano), mentre contemporaneamente un altro si ferma alla spiaggia di Meta, anch’esso guasto ed impossibilitato a proseguire il servizio. Qualche giorno prima di questi spiacevoli episodi, circolò la notizia che all’Ente Autonomo Volturno venivano dati venti autobus dal CTP, che poi la direzione dell’azienda, dopo che avrebbe fatta la presa in carico dei mezzi, li avrebbe messi a disposizione del deposito dell’Isola d’Ischia, ma a tutt’oggi di questi famigerati venti bus non se ne sa nulla. Con la stagione turistica che si è aperta e con la penisola sorrentina che è presa d’assalto dai turisti stranieri, che usano anche loro i mezzi di trasporto pubblico, con questi continui disservizi che immagine trasmettiamo oltre gli italici confini a chi sceglie di trascorrere le proprie vacanze in quest’angolo di paradiso. “Benedetto dal Signore”, come tiene a ricordare sempre Mons. Francesco Alfano, Arcivescovo della Diocesi di Sorrento – Castellammare di Stabia, per tutti i doni delle bellezze naturali profusi a piene mani che ci hanno portato ad essere la prima località turistica italiana insieme al Lido di Venezia? L’anno scorso proprio il Presule Sorrentino – Stabiese scrisse un suo messaggio di saluto sia ai turisti che sceglievano le nostre località, che agli albergatori ed alle autorità, invitandoli a fare dell’accoglienza e del ricevimento un servizio da donare a chi da altri paesi viene qui da noi, ma a quanto sembra questa raccomandazione è caduta nel vuoto, vista anche la situazione dei mezzi di trasporto pubblici. Per quanto riguarda invece la strada ferrata gestita dalla ex Circumvesuviana, bisogna guardare in questo caso le due facce della medaglia. Infatti è notizia di lunedì 23 giugno, che un gruppetto di ragazzini saliti su un convoglio nella stazione di Torre Annunziata e diretti forse in quella vicina di Boscoreale, non avendo di meglio da fare, hanno provveduto a rompere il vetro di un finestrino. Visto il folto gruppo di facinorosi, il capotreno si è avvicinato per procedere alla verifica dell’acquisto dei titoli di viaggio, ma per tutta risposta si è beccato una salva di bestemmie ed improperi. Il dipendente ferroviario accortosi poi del danno arrecato al convoglio, provvedeva una volta arrivato in cabina ad allertare il Dco (la centrale operativa) di Porta Nolana, i cui funzionari hanno subito chiamato i carabinieri. Il treno si è dunque fermato in attesa dell'arrivo delle forze dell'ordine. Nel frattempo gli altri viaggiatori sono stati ‘ostaggio’ della gang che, probabilmente non immaginando che stessero arrivando i carabinieri, continuava a fare baccano e persino a giocare con il pallone nel treno. Quando i militari sono arrivati alla stazione di Boscoreale si è verificato un fuggi fuggi generale: nel convoglio - a raccontarlo è lo stesso capotreno - è rimasto circa il trenta per cento dei viaggiatori, gli unici che probabilmente avevano il biglietto in tasca. La corsa è terminata a Poggiomarino verso le 19,00: più di quaranta minuti dopo l'arrivo previsto e peraltro, con il treno fermo in stazione, è andata in tilt tutta la linea. Sull'episodio è intervenuta l'Orsa, il sindacato dei macchinisti, con un documento all'Eav nel quale chiede che "i teppisti eventualmente individuati siano denunciati non solo per i danni al treno ma anche per l'interruzione di pubblico servizio". L’altra faccia della medaglia riguarda la stazione ferroviaria di Meta, preda il sabato e la domenica dei ‘Predoni del Mare’, che vengono nei lidi balneari della cittadina costiera. L’attuazione del piano sicurezza, varato dalle autorità locali in collaborazione con il Prefetto di Napoli Francesco Antonio Musolino, sta dando i suoi frutti. Infatti con il presidio dei varchi di accesso ai binari da parte delle Forze dell’Ordine in tenuta antisommossa, si è registrato un notevole decremento degli episodi di microcriminalità ed una forte riduzione dell’evasione all’acquisto del titolo di viaggio. Sempre in materia di sicurezza per la stazione del comune costiero, dal palazzo di città arriva, per bocca del Sindaco Giuseppe Tito, la notizia che a breve saranno installate quattro nuove telecamere: due saranno posizionate davanti alla stazione, una sarà posta sotto al vicoletto che porta al piazzale delle scuole elementari e la quarta all’uscita. Questo perché negli anni trascorsi si sono registrati scippi o comportamenti illeciti, proprio nei pressi del sottopassaggio a danno di cittadini metesi. Per questo è necessario munire quella zona di un controllo 24 ore su 24.Oltre alle telecamere, l’amministrazione ha dato il via libera all’installazione di un sistema wi-fi gratuito per l’intera area.

Fonte: Positano news



L'INTERVENTO DEL COLLEGA ASSANTE

Anche il bacino Flegreo.Soffre tantissimo per la mancanza di autobus localita'Flegrea come Bacoli Baia Cuma a carattere turistico Archeologico Balneare Soffre.Turisti Utenza balneare costretta a lunghe attese per mancanza di autobus. Il 27 giugno ci sarà un incontra politico tra autorevoli rappresentanti Eav ed politici locali in merito alla problematica in oggetto. Ancora tante Chiacchiere e pochissimi Autobus. Basta basta basta .Siamo tutti stufi.propongo una coraggiosa Commissione di inchiesta sullo sfascio del t.p.l. Invito la magistratura e gli organi proposti a tale controllo a intervenire subito nell'interesse degli utenti e dei coraggiosi e umiliati lavoratori dell'Eavbus. Che Dio ci Aiuti tutti, altrimenti chiediamo subito ospitalita' alla Svezia alla Finlandia alla Norvegia . P.s fatti non foste per vivere come Bruti ma per Virtu' e Conoscenza. 

Luigi

Nessun commento: