BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

26 giugno 2014

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE MICHELE NASTRI, IL RACCONTO DELL'ESCURSIONE SU "IL SENTIERO DEGLI DEI"

MICHELE NASTRI
Ebbene si, qualche settimana fa, ci siamo ripetuti, dopo aver ammirato nei pressi diAmalfi, quel piccolo angolo di paradiso, “ La Valle delle ferriere”, sempre guidati da Pasquale Ciniglio e Salvatore Annunziata, abbiamo percorso un nuovo sentiero. 
Questa volta ci siamo incontrati ad Agerola e da lì abbiamo intrapreso il percorso che dalla piazzetta di Bomerano, giunge fino al borgo di Nocelle, piccolissima frazione di  Positano, composta da soli 300 abitanti. Questo sentiero è davvero suggestivo e porta a scoprire dei panorami mozzafiato, in alcuni tratti sembra di camminare “sospesi tra il cielo e il mare”, non a caso, questo percorso è famoso in tutto il mondo come “ Il Sentiero degli Dei”.


DA SINISTRA A DESTRA I COLLEGHI ANGELO ROSA E ANTONIO VITALE...
MOLTO PIU' UMANI CHE DEI
Questo tratto di costa, prende questo nome, oltre che per i paesaggi stupendi che porta a scoprire, anche per altri due motivi. Il primo è perchè secondo quanto riportano le leggende, fu imboccato dalle divinità greche per salvare Ulisse dalle ammalianti Sirene. 


FLORA, LA "SIRENA", MOGLIE DI MICHELE NASTRI 
Il secondo è perché questo sentiero, che sembra appunto sospeso tra il cielo e il mare, un tempo era l’antico tracciato scelto dai coloni ellenici come luogo di culto delle loro divinità. E’ stato in oltre fonte di ispirazione per poeti e letterati. Da Goethe a Calvino che ha descritto il Sentiero degli Dei come “quella strada sospesa sul magico golfo delle Sirene solcato ancora oggi dalla memoria e dal mito”. 





Questo sentiero, come si può facilmente intuire, è da sempre meta di turisti da tutto il mondo, rapiti dal fascino di queste terre. Lungo il percorso, complice il bel tempo, anche noi abbiamo incontrato tantissima gente, il cui unico linguaggio comune era ammirare questi paesaggi di rara bellezza. Personalmente mi sono fermato a parlare con degli australiani che praticano trekking da una ventina di anni, e mi dicevano che raramente avevano avuto la fortuna di fare trekking in un posto così bello. Non smettevano di ripetere: really beautiful, really beautiful!!In questa escursione abbiamo avuto anche la piacevole presenza di alcuni colleghi in pensione, tra l’altro quasi tutti in perfetta forma fisica, giusto a dimostrazione del fatto, (qualora fosse ancora bisognoso ribadirlo), che il meritato riposo dopo anni di lavoro, fa davvero bene, e non incancrenisce per niente le gambe e la mente, come qualcuno ci vuole far pensare.
Per quanto riguarda il percorso fatto, anche se questa volta il sentiero in alcuni tratti era irto e scosceso, tutto sommato è stato abbastanza agevole per tutti, anche per lo scrivente, che viaggia con un “bagaglio aggiuntivo” di almeno una trentina di kg.


IL NOSTRO CORRISPONDENTE MICHELE NASTRI
DA SINISTRA, IL CAPO SALVATORE ANNUNZIATA, MICHELE NASTRI 
CON FLORA LA SUA "SIRENA" E ANGELO ROSA


Questo lo scrivo, non tanto per sottolineare la mia performance della giornata, a dire il vero abbastanza scadente, quanto per ricordarvi che le nostre “passeggiate salutari” sono davvero per tutti, e rinnovo l’invito fatto già in passato di unirvi a noi, in queste esperienze a contatto con la natura. Che dire, arrivederci alla prossima escursione.


 "DEI PER UN GIORNO !"
Le mie congratulazioni e quelle 
di tutta la redazione. 

Giona



Nessun commento: