BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

5 ottobre 2013

ANGELINO "ALNANO" DI MARCO TRAVAGLIO


Tutti possono immaginare quanto ci stia simpatico Sallusti, in arte zio Tibia, che ci insulta un giorno sì e l’altro pure, e soprattuttoscrive e pubblica cose ben oltre i confini della realtà. Ma i cantori del “nuovo centrodestraliberale, popolare ed europeo” nato dalla rivolta degli schiavi berlusconiani al seguito del governo Alfetta sotto le bandiere del “tengo poltrona” dovrebbero spiegare cosa ci sia di liberale,di popolare e di europeo nella prima mossa di questi gentili signori: quella di far cacciare il direttore del Giornale per sostituirlo con uno più morbido e accomodante nei loro confronti (i pretendenti non mancano). Intendiamoci:la libertà di stampa non c’entra nulla, né con Sallusti né con chi lo vuole defenestrare.
Anzi, non esiste proprio, altrimenti sarebbe vietato per legge a qualsiasi politico o partito di controllare giornali e tv. Ma un politico chechiede la testa di un giornalista, chiunque sia il giornalista, non ha nulla di liberale, popolare ed europeo. Infatti stiamo parlando di Angelino Alfano, che si definisce “diversamente berlusconiano” e invece è solo un berlusconiano opportunista.
Quando, ancora due mesi fa, si trattava di manganellare chi chiedeva le sue dimissioni per il sequestro e la deportazione della moglie e della bimba di un dissidente kazako ordinati da agenti di Astana che scorrazzavano per il Viminale e perpetrati dalla polizia italiana all’insaputa del presunto ministro dell’Interno, il Giornale di zio Tibia gli andava benissimo. Ora che gli dà del traditore per aver voltato gabbana, non più. Troppo comodo. Il berlusconismo non finisce con la morte (peraltro presunta) di B.: finirà quando anche l’ultimo berlusconiano sarà sparito dalla circolazione senza lasciare tracce. E le tracce di Al Nano sono ancora tutte lì per terra. Il lodo Alfano che bloccava i processi alle alte cariche dello Stato, roba mai vista neppure nel terzo mondo, fu bocciato dalla Consulta. La legge Alfano per limitare le intercettazioni e imbavagliare la stampa non passò nemmeno nel Parlamento più indecente della storia. E chi ricorda i suoi affettuosi rapporticon Massimo Ciancimino, ovviamenteprima che collaborasse con i pm (dopo divenne un paria)? Tipo i viaggi sul suo elicottero dell’Air Panarea con la moglie e un altro deputato siciliano del Pdl, Dore Misuraca, ora passato ai popolari, liberali ed europei. Al figlio di don Vito, Angelino Jolie chiese persino consigli per il trapianto pilifero sul capino impostogli dal Capo. Ciancimino jr. lo indirizzò da uno specialista a Roma: purtroppo l’intervento abortì, neppure i capelli finti volevano averci a che fare. Ora, per i cantori del governo Alfetta, Al Nano è la risposta italiana alla Merkel. Fortuna che l’interessata non sa neppure chi sia, altrimenti sporgerebbe querela. Anche alla luce delle memorabili imprese di Angelino Jolie nei panni di ministro della Giustizia. Tipo quando, nel giugno 2009, annunciò un mirabolante Piano Carceri a base di “penitenziari galleggianti” che avrebbe garantito “17.891 nuovi posti cella entro il 2012” (se ne fosse mai visto uno, di carcere e di posto cella). O quando, come rivelò Gian Antonio Stella, l’enfant prodige del “partito degli onesti” e del “merito” nominò nel neonato “Organismo indipendente di valutazione della performance dei magistrati”, con un contratto da 48.600 euro annui, un esperto d’eccezione:
Calogero “Lello” Casesa, agrigentino come lui, impiegato in Provincia, ex consigliere comunale di Forza Italia, ma soprattutto presidente della sagra “Mandorlo in fiore” e suonatoredi “friscalettu” (lo zufolo dei balli folcloristici) nel gruppo “Val d’Akragas”. Il nuovopartito liberale, popolare ed europeo è in buone mani. Perché è vero che nel 2005, proprio al Giornale, l’onorevole Angelino si dichiarò “unilateralmente innamorato di Silvio Berlusconi”. Ma è anche vero che in Italia si dimentica tutto, con buona pace del detto di Flaiano: “A furia di leccare, qualcosa sulla lingua rimane sempre”.




Nessun commento: