BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

2 luglio 2013

DA BERNARDO GUI.....


L'umanità si divide tra alchimisti e filosofi, i primi attraverso la "pietra filosofale", credono di acquisire l'onniscenza, ovvero la conoscenza assoluta del passato e del futuro, del bene e del male, i secondi sono invece sempre alla ricerca di una risposta ai propri dubbi, e per dirla con il pensiero socratico "sapere di non sapere", la consapevolezza di non conoscenza definitiva, che deve diventare stimolo al desiderio di conoscere.
Legge 24 dicembre 2012, n.228
"Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2013)".
Articolo 1, comma 177.
"Al fine di consentire il regolare svolgimento delle attività di competenza del Commissario ad Acta di cui all'articolo 16, comma 5, del decreto-legge 22 giugno 2012, n.83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n.134, le disposizioni di cui all'articolo 16, comma 7, del predetto decreto-legge si applicano fino al 31 dicembre 2013".

1 commento:

il postino di baskerville ha detto...


Sei in: Archivio > La Repubblica > 2013 > 06 > 26 > {0}


E.A.V.Polese verso le dimissioni è alta tensione tra i lavoratori
L' INCONTRO con il commissario del gruppo Eav Pietro Voci era atteso da giorni. I macchinisti della Circumvesuviana in sciopero avevano sospeso perfino l' agitazione. Ma il faccia a faccia di ieri non è andato per il verso giusto. Nemmeno due ore dopo, i sindacati annunciano battaglia e chiedono un colloquio con il presidente della Regione Stefano Caldoro. Proclamato lo stato di agitazione di tutto il personale dell' Eav. Torna alta la tensione, attesi di nuovo stop e disagi per i viaggiatori. A rischio le corse delle società del gruppo, Circumvesuviana in particolare. Da domani sui treni verrà affisso un avviso ai viaggiatori sulle possibili proteste. E mentre si consuma lo scontro sindacati-commissario, l' amministratore del gruppo Eav Nello Polese è pronto a dimettersi. Presentate dieci giorni fa all' assemblea della società, le dimissioni sono state respinte e congelate. «Resto solo se il piano sarà approvato dal ministero dice Polese - non ha senso continuare se non ci sono prospettive concrete». La salvezza dell' Eav è appesa ad un filo. Le parti sociali non sono soddisfatte delle garanzie offerte dal commissario ad acta. Non mandano giù la conferma che la quattordicesima non sarà pagata, non credono nella fattibilità del piano di Voci, sul quale pesa l' assenza di risorse. Fondi senza i quali difficilmente arriverà l' approvazione da parte del ministero, destinataa salvare definitivamente la holding regionale. «Ci è stata prospettata una situazione drammatica» scrivono in un comunicato congiunto i sindacati. Pochi i soldi, 120 milioni saranno stanziati per i corrispettivi relativi agli obblighi di servizio «invece dei 184 necessari. Sono insufficienti ad assicurare la continuità aziendale il normale esercizio ferroviario». Eppure il commissario Voci lavora da mesi alla riorganizzazione. Soltanto ieri è stato emanato un provvedimento che entro 30 giorni porterà alla ricognizione completa di debiti e crediti. Poi scatterà il risanamento. I sindacati, però, non sembrano credere alla possibilità reale di salvare il gruppo. «LA SITUAZIONE E'DIFFICILE- spiega Mario Salsano, Segretario Regionale Filt-Cgil - anzi, rischia di diventare drammatica. Si gioca una partita determinante per l' E.A.V., il fallimento è più vicino di quello che si può pensare. Risanare il buco sarà un' impresa impossibile. Il ministero non approverà il piano di Voci se non si dimostrerà che l' Eav sta in equilibrio da sola. Condizione che al momento è difficile da immaginare. L' EAV E' SALVA DAI PIGNORAMENTI SINO AL 7 AGOSTO di quest' anno, poi si possono solo portare i libri in tribunale». Una situazione in bilico confermata dalle dimissioni presentate dall' Amministratore del gruppo Nello Polese. «Siamo in forte difficoltà - spiega Polese purtroppo non sopravviviamo senza il contratto di servizio. Siamo ad un passo dal risolvere tutti i problemi eppure perdiamo milioni ogni giorno che passa. L' unica mia speranza è che il piano sia approvato in pochi giorni dal Ministero. Solo così possiamo farcela».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TIZIANA COZZI

P.S.:Non sono un Alchimista,ma un semplice postino....
Ed in questa veste ogni tanto farò capolino nel blog......
......Mi sono costruito un mio profilo con la mia casella postale(Pardon)...
Pertanto ti pregherei,(così scrivevo a Giovanni)nel caso di nuove comunicazioni di inviarle alla mia nuova gmail......
Se incontrerai delle difficoltà, potrai sempre rivelare chi si cela dietro il postino di Baskerville....

Consegno,rilevo e spedisco posta... ....Come si dice:Ambasciatore non porta pena,ma sulle lettere del fratacchione(Guglielmo) garantisco io....Mi assumo per intero la responsabilità......


Il postino di Baskerville

Di prossima pubblicazione

Don Ersilio dispensava saggezza