BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

..... ...... ......

6 maggio 2013

PALLA DI CANNONE. DI ENZO SCOLESE

ENZO SCOLESE


Vince Cavendish allo sprint ma il protagonista principale è lo scenario del capoluogo campano

NAPOLI - Vetrina internazionale doveva essere ed è stata. Con un finale tesissimo al traguardo. Alla fine della tappa della 96esima edizione del Giro d'Italia, Viviani è stato bruciato da Cannon Ball, al secolo Mark Cavendish con una volata beffa. Una città tutta attorno al Giro con la collina di Posillipo praticamente isolata dalle 8 del mattino alle 19. La prima maglia rosa, oggi in riva al Golfo, è stata assegnata in volata come previsto: e, come previsto, il superfavorito Cavendish s'è aggiudicato il piatto. Nel suo curriculum prima di oggi, c'erano già 10 tappe vinte al Giro, 3 solo nel 2012. Appena indossata la maglia rosa ha detto: «Elia Viviani ha fatto benissimo, ma io volevo vincere, ero determinato. E' stato fantastico vincere qui». Non è mancato neppure l'apprezzamento per «la migliore pizza del mondo».Napule è mille culure, lo storico pezzo di Pino Daniele è la fotografia della città partenopea tinta di rosa dal Giro d'Italia. Vince allo sprint l’ex campione del mondo Cavendish, ma lo scatto del britannico passa quasi in secondo piano. Lo spettacolo è lo scenario, il sole, il mare, il Vesuvio, la gente a caccia di foto e attratta dall'infinito fascino del pedale. Un esordio in grande stile della corsa rosa che non partiva da Napoli da circa 50 anni. Cavendish Re di Napoli ripartirà in maglia rosa.
 






Nessun commento: