BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

..... ...... ......

1 ottobre 2012

LA CHIAVE DI LETTURA DELL'AGITAZIONE DI OGGI DEL PERSONALE CIRCUMVESUVIANA

"Vergognatevi, solo perchè vi hanno slittato lo stipendio al 5 del mese successivo, avete lasciato la gente a piedi senza preavviso. E pensare che c'è chi lo stipendio non lo prende da mesi e magari non 
lo prenderà più !"

Ecco, sono più che convinto che il pensiero espresso in alto è quello che la maggioranza dei nostri "clienti" hanno formulato trovandosi stamattina davanti alle biglietterie chiuse e alla mancanza di treni. E allora il mio tentativo che spero sarà seguito a breve da chi ha più competenze di me, è di correggere il tiro. Mi sento in obbligo di tentare di fornire una chiave di lettura diversa della protesta messa in atto oggi dal personale circumvesuviana, senza voler per questo giustificare le modalità che restano certamente inaccettabili da chi stamattina si è alzato per andare a lavorare o a scuola ed è rimasto al palo !

I lavoratori di Circumvesuviana vogliono bene alla propria azienda e nonostante "il tradimento" di oggi, hanno grande considerazione dei propri viaggiatori. Sembra un controsenso ma non lo è. All'agitazione di oggi siamo stati costretti e non unicamente per una protesta per lo stipendio non erogato nei tempi previsti anche se essa resta azione ignobile e reiterata della quale, certamente consapevoli gli enti interessati, ne hanno dato comunicazione soltanto il 24 settembre, ancora una volta solo due giorni prima.
Ma come dicevo il problema fondamentale non è lo stipendio al 5 ottobre ma l'incertezza del futuro, il ventilato fallimento nei mesi a seguire. Già, quel fallimento di cui si sta parlando e scrivendo dall'inizio di quest'anno che riguarda non solo la Circumvesuviana ma tutti il trasporto pubblico Campano. L’ex ACMS di Caserta con 445 dipendenti, prima messa in liquidazione, poi fallita. Il contratto di servizio è stato poi affidato al CLP della famiglia Esposito con la conseguenza che i lavoratori sono già da due mesi senza stipendio. Il CSTP di Salerno 595 dipendenti un probabile spiraglio potrebbe farli rientrare dalla messa in liquidazione ma sarà impossibile non applicare i contratti di solidarietà. L'EAV BUS 1300 dipendenti. E' di pochi giorni fa la voce dell'imminente fallimento con la consegna dei libri in tribunale. I lavoratori sfiduciati in questi giorni hanno bloccato spontaneamente il servizio.  
Insomma qui non è in gioco la sola regolarità dello stipendio per questa o quell'azienda, qui è tutto il Trasporto Pubblico Locale che sta andando a puttane...consentiteci lo sfogo. 
E allora ancora una volta i lavoratori non possono che chiedere scusa a studenti, lavoratori e a tutti quelli che a seguito dei tagli dell'assessore Vetrella che ultimamente riparla di dissesto mentre qualche giorno prima entusiasta decantava il potenziamento delle corse in Circum, hanno già dovuto riorganizzare la propria vita in funzione delle "menomate" corse giornaliere. Chiedono scusa e un minimo di comprensione perchè qui se affonda la barca del TPL campano, affonda l'intera economia della regione.  

giona



19 commenti:

Anonimo ha detto...

Avreste fatto meglio a scrivere solo 'Scusate per il disagio', tanto è l'unica informazione che sapete dare attraverso sito, blog e altoparlanti!!!

FR

Anonimo ha detto...

Giona, sono stati tanti e tali i disagi che avete arrecato alla clientela negli ultimi 5 anni da essere riusciti in un miracolo: invece di avere il supporto dalla gente siete a dir poco detestati. Non discuto sui diritti sacrosanti dei lavoratori. Dico che da parte vostra c'è stato un abuso di pazienza che nessuno "scusate" può scusare. Se questo si aggiunge il fatto che non stiamo parlando del treno Italo ma di asfissianti treni di sardine perennemente in ritardo, perennemente arroventati d'estate, perennemente sporchi, perennemente con le corse tagliate a causa di guasti tecnici, hai il quadro completo della situazione che viviamo. Insomma, mia nonna, sentendo di questo ulteriore sciopero ha detto che sua nonna diceva: "chella muglièrema era bella, po' carett' 'a copp' 'a ciuccia"...

Anonimo ha detto...

Scusate, scusate, scusate.... Parole già sentite. L'autore parla di tradimento, ma questo non è il primo, semmai il tradimento del 01/10/2012. Ma chi ci rimborsa dei soldi spesi per abbonamenti a tali servizi, per essere lasciati a piedi? I soldi delle giornate di lavoro perse? Esistono altre forme di protesta, senza ricattare e far andare di mezzo, come al solito, gli utenti. Spero che tutto questo marciume di persone un giorno vada a finire in mezzo ad una strada e qualcuno paghi finalmente in tribunale. Purtroppo questa città è lontana dal diventare una "città vera" proprio per colpa di persone che pensano esclusivamente ai propri interessi e fregandosene degli altri.
LT

Anonimo ha detto...

Ve ne fregate altamente degli utenti, senza contare che senza utenti andrete in mezzo a una strada! Ed è quello che vi auguro!!!!
Quando stamane ho chiesto al capostazione "Come facciamo ad andare a lavoro a Napoli?" mi sono sentito rispondere "Con un mezzo di trasporto proprio!"
Se avessi avuto un mezzo di trasporto mio per poter andare ogni giorno a lavoro a Napoli non starei di certo appresso ai "capricci" di un'azienda come la Vesuviana!!!
Voglio concludere dicendo che qualche giorno fa avete avuto la comunicazione che gli stipendi verranno erogato il 5 ottobre, quindi perché avete fatto questo casino oggi?!?!

Alessio ha detto...

Vi scrivo da Milano, ma fino a pochi mesi fa e per 28 anni ho utilizzato la circumvesuviana. negli ultimi dieci anni il tracollo è stato netto, ma di chi è la colpa? I commenti degli utenti che leggo qui, caro giovanni, sono una sintesi perfetta del qualunquismo e della strafottenza del prossimo. Concetti, questi ultimi, che sono alla base del disfacimento dell'intero stato apparato.
Il singolo utente la mattina deve arrivare a napoli, se il treno non cammina è colpa del capotreno, giusto? Ebbene, quando ogni singolo cittadino anzichè invenire contro il capo treno di turno (che non ha nessuna voglia di competere uno contro 2000 invsati ogni mattina) la smetterà di foraggiare e votare il sistema politico clientelare campano, forse allora la Circum riprenderà a funzionare così come faceva un tempo. R-Esistenza.
nb la dicitura "anonimo" è molto simbolica per le lamentele sterili che leggo.

Anonimo ha detto...

siete dei privilegiati voi della vesuviana. Per anni avete goduto di mille bemefici adesso sono il primo a sperare in un fallimento della vs azienda. Poi capirete cosa vuol dire rimanere senza stipendio per sempre e non pet pochi giorni

Maggiorino Guida ha detto...

Caro Redattore,
ho sempre asserito che il blocco totale come quello dell'autunno 2011 è solo una prova tecnica di fallimento e non conviene ai lavoratori stessi. La gente si abituerà ad un mondo senza la Circumvesuviana, volenti o nolenti....come si è abituata alla soppressione delle corse di primo mattino o di sera tardi. Devo peraltro ammettere che lo "status quo" in materia di lavoro, ahimè, si smuove solo quando è messo in pericolo l'ordine pubblico (vedi i Cantieri, vedi la stessa azione di protesta dell'utenza la scorsa primavera che "smosse" Caldoro e Vetrella). Un'azione come quella di stamani (premeditata, dai tam tam che percepivo anche in rete), fatta di lunedì mattina, resta comunque un atto ignobile. Perchè caro Giona il "TPL" è già affondato. Occorre lavorare solo per salvare il salvabile. Ed il salvabile si salva con una protesta civile. Anche il blocco della circolazione può essere fatto in modo civile. Lo sanno DAVVERO i vostri sindacalisti che ormai si raschia il fondo del barile ? Io uso intensamente la Circum ma più che pagare le tasse ed un abbonamento mensile da 93 euro non posso fare (fascia 5). Con ciò che voglio dire, caro Giona ? Di
tutto nella vita uno poi si fa una ragione, pure di un malaugurato futuro senza la Circum...
Complimenti per il blog, da utente del TPL è stato una bella scoperta che mi aiuta a capire molte cose :-)

Anonimo ha detto...

Inutile sperare nell'appoggio di chi si sente danneggiato perchè non sa guardare più in la del proprio naso. Questa gente non si rende conto che il disagio di oggi è niente rispetto a quello che dovrà subire in futuro, quando per andare a lavorare dovrà obbligatoriamente servirsi del mezzo prorio perchè noi (il famigerato TPL)non ci saremo più.

Anonimo ha detto...

Tutti quelli che stamattina, quando non hanno trovato il treno disponibile o hanno trovato la stazione chiusa e domandavano disperatamente :" ma non c'è un autobus?", "ma non c'è un altro mezzo per andare a lavorare?", questi signori dicevo, si rendono conto che tra un pò dovranno solo prendere la loro auto, quella che tengono gelosamente chiusa in garage per spostarsi perchè non esisterà più ne il bus ne il treno? E poi con chi se la prenderanno, davanti a quale sportello andranno ad inveire ed offendere il lavoratore che protesta per proteggere il suo lavoro, ma anche la loro moobilità?

Anonimo ha detto...

@Anonimo #4
Oggi noi non ci SENTIAMO danneggiati, noi SIAMO STATI danneggiati.
E siamo stati danneggiati dai dipendenti della circumvesuviana che oggi hanno deciso di starsene a casa battendo malattia, senza avvisare in tempo l'utenza.

Posso capire la protesta come strumento per sensibilizzare l'opinione pubblica e far conoscere la situazione davvero drammatica che state vivendo voi dipendenti del trasporto pubblico campano (io lavoro al CDN e le proteste sono all'ordine del giorno) ... MA spero che lei capisca che fare la chiamata in ufficio per darsi malati, restando zitti e soprattutto lontani da coloro che vorreste si alleassero con voi, non è una forma di protesta ma la vigliaccata di chi vorrebbe che gli altri combattano al proprio posto.

Buona serata
RF

Anonimo ha detto...

Pur comprendendo la rabbia degli utenti, ci spieghino quali sono le altre forme di protesta che ottengano lo stesso risultato, e' la Regione che tradisce utenti e lavoratori con la farsa della fusione-scissione a fasi alterne,(con allegra moltiplicazione delle poltrone), e con l'assenza di un vero piano per il TPL : les incompetent.

Anonimo ha detto...

Penitenziagite

C’era una volta,il sistema integrato dei trasporti…Il magnifico caso unico in ITALIA…ANNO DOMINI? 2007!

Siamo scivolati dalle strombazzate stazioni d’arte al dissesto finanziario ed al DEFAULT…Dal deragliamento del 6 Agosto 2010,alle auto travolte dai treni sui S.O.A del 30 Agosto 2012….

Ci hanno detto(tronfi come tacchini)vi meraviglieremo:
1)RISORSE ECONOMICHE PER FAR RIPARTIRE LA MANUTENZIONE SUGLI IMPIANTI E SUI ROTABILI,PER GARANTIRE E MIGLIORARE LA SICUREZZA…..;
2)Nomineremo un Commissario ad Acta per gestire il debito delle tre aziende sul ferro dell’EAV;Imprese che verranno sottoposte ad un piano di risanamento che attraverso la fusione le condurrà verso la privatizzazione;
3)Si dovranno formare 2 società,una per le INFRASTRUTTURE(Rete e Binari),e l’altra per i servizi…Cederemo l’ESERCIZIO E I TRENI e conserveremo L’INFRASTRUTTURA;
4)Il progetto di FUSIONE sarà operativo ad un mese dalla pubblicazione del Decreto(Era Giugno 2012);
5)Bisogna definire gli ambiti provinciali,entro il 30 Giugno…Indicheremo i confini territoriali entro cui si muoverà il Trasporto Pubblico Locale,proprio per tracciare meglio i territori di appartenenza per le gare che verranno;
6)Si separerà la gestione ordinaria…Le aziende devono sopravvivere con i proventi dei biglietti e non devono accumulare passivi…..Quindi:propria tariffazione,Contratto di Servizio e recuperare l’Evasione tariffaria…..
7)Verrà introdotto uno speciale sistema di incentivi. Saranno i cittadini a scegliere ,a quale compagnia di Trasporto assegnare più denaro e potranno premiare il servizio migliore con il biglietto elettronico;
8)Entro il 30 Ottobre bisognerà presentare le offerte…Per la fine dell’anno il processo sui bandi per la privatizzazione dovrebbe essere in via di conclusione;

E così,tra chiacchiere e distintivi venne l’estate africana…..Per ottenere la visibilità sull’informazione,venne impartito l’ordine di sgamare il portoghese nelle prime ore dopo l’alba…Vetrella insieme ai soliti dirigenti alle ore 7 e 09,guidò la battuta di caccia….
Il 25 Luglio bussò alla porta e pretese il suo tributo sul futuro….Colpire il costo del lavoro attraverso l’armonizzazione delle retribuzioni……La futura povertà,la chiamarono Armonizzazione….
Agosto passò come una carezza,tra il silenzio sull’accordo sindacale firmato di nascosto e innocenti distrazioni…..Le solite inutili chiacchiere sulla tariffazione e sulla tassa del macinato pagata ad UNICOCAMPANIA…….IL PULP lo ritrovammo il 30 Agosto…Ecco che ritorna il tormento della CIRCUMVESUVIANA:disastri,degrado e cadaveri…..

Anonimo ha detto...

I fatti al momento sono:
A)Il miglioramento del servizio è di là da venire….
B)Il crono programma è fermo in PAUSA STILL…..
C)Non bastano piani industriali,vendita di un ramo d’azienda,e armonizzazioni delle retribuzioni...I progetti promessi e dichiarati,al momento sono nuvole di fumo....
D)Si erano impegnati nel garantire le retribuzioni,e invece un mese si e un mese no,veniamo UMILIATI con il RITARDATO PAGAMENTO…
E)La cassa è vuota,strangolata dall’allegra gestione,dai tagli e dai ritardi delle Istituzioni nel trasferire gli emolumenti garantiti….Si ripara il pallone con cuciture improvvisate….
Praticamente il primo giorno di OTTOBRE ci ritroviamo con il teatrino dell’assurdo… NIENTE STIPENDI, mentre la REGIONE batte cassa….
F)IL FUTURO DEI TRASPORTI IN CAMPANIA,AL MOMENTO E’ UN REBUS….Non abbamo avuto ancora un EURO per i servizi di TRENITALIA spiega l’esperto in numerologia e moti celesti(IL VETRELLA)…L’Assessore prevede per il 2013 nuove riduzioni di fondi che condizioneranno anche le gare che la REGIONE deve bandire al più presto,ma che naturalmente diventano impossibili da effettuare senza avere certezze dei fondi a disposizione….
Ed allora converrete con me che le patacche sono come le ciliegie:una ne tira un’altra…….Nulla di quanto promesso si è realizzato e la montagna ha partorito il classico topolino….
Continuare a negare la realtà,significa non cambiare nulla..Ed andare avanti,com’è andata finora(ovvero malissimo)significa continuare a farci del male….

MORALE:Non sono L’UNICO COLPEVOLE…Così al telefono il Comandante Schettino svela le ragioni del tracollo di un’intero paese…Non c’è nulla da godere nella disintegrazione di un sistema…. E non c’è nella storia italiana un esempio di scandalo nepotista così grande come quello di:consorzi,di ditte e di aziende di trasporti della Regione Campania….Un sistema che si reggeva su interessi e patti inconfessabili….Nel regno dei VICERE’ sono state assunte sorelle,figli,nuore, mogli,nipoti e affini di politici,dirigenti,Amministratori e sindacalisti….Aziende che hanno ora milioni di debiti e sono molto vicini alla bancarotta ed al fallimento….
Scacco matto della cabina di comando,Signori... Fallimentari e tragiche sono le conseguenze…..Chi doveva scegliere Piani Industriali:non ha scelto…..Chi doveva decidere ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO e POLITICHE DEL PERSONALE:non ha deciso…..


Per concludere lascio la parola al PROFETA ZENONE in cammino verso la Terrasanta...(ARMATA BRANCALEONE ----MONICELLI)…….
(Un pellegrinaggio è un viaggio compiuto per devozione, ricerca spirituale o penitenza verso un luogo considerato sacro.)Penitenziagite........

“SE LONGO E’ LO CAMMINO,…..COME DEV’ESSERE la META????????
GRANDE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

P.S.:Presto avrete mie notizie,nobili guerrieri……

Che la forza sia con voi

Guglielmo da Baskerville

Anonimo ha detto...

Se tutti i lavoratori, di tutte le aziende d'Italia si comportassero come voi, sarebbe davvero la fine dell'esistenza del mondo, io sono un dipendente di Telecomitalia e non ce la stiamo passando tanto bene, immaginate se Telecom fosse ancora monopolip e interrompessimo il servizio di telefonia in Italia e facessimo pagare lo stesso la bolletta... Come ti parrebbe caro giona? Abitando a Boscoreale l'unica alternativa alla Circum è la macchina, quindi rispondendo all'amico sopra, ci stiamo già adattando a fare a meno della circum..

Anonimo ha detto...

Ma cosa dovremmo fare di più noi utenti: oltra a sopportare disagi da anni, a cercare di comprendere mentre contiamo i giorni di lavoro persi (e per molti di noi "persi" non significa in malattia o in assemblea: significa vederesi una giornata in meno in busta paga: ci esce un altro abbonamento al mese!!!), le ore bruciate aspettando in stazione, ci sono state manifestazioni, comitati, proteste, gruppi su facebook...

Dobbiamo combattere le vostre lotte, oltre che a farvele condurre a costo zero sulle nostre spalle come avete fatto negli ultimi due anni? Nessuno di quelli che oggi scoprono che l'azienda è in pericolo ha sospettato che qualcosa non andava quando le vacche erano grasse e noi utenti, coglioni, pagavamo biglietti e abbonamenti esattamente come oggi?

Non un avviso, non un dipendente circum a spiegare cosa fosse successo: con chi dovremmo essere solidali e comprensivi, con i cartelli a penna "Prendete la ferrovia"? Ma chi ha eletto i vostri rappresentanti sindacali, Vetrella? Caldoro? Topo gigio? Ci sono forme democratiche per farsi valere, e ci sono ricatti sulla pelle e sulla vita degli altri: oggi avete preso la seconda strada. Non conterà nulla, ma per quanto mi riguarda non c'è modo di tornare indietro. Vi sieti giocati ogni solidarietà e appoggio.

Avete lasciato a piedi un giorno di troppo gente meno garantita di voi, gente che il giorno di finta malattia non se lo può permettere, gente che ha pagato in anticipo un abboanmento facendosi i conti al centesimo come voi. Complimenti: siete riusciti a fare i burattini per la solita guerra tra poveri che vede tutti sconfitti.

Saluti,
MXM

Anonimo ha detto...

E' tutto un sistema che va allo sfascio:
- Il governo non elargisce più fondi per risolvere i deficit locali , e il deficit adesso pesa più che mai. Tutti hanno contribuito per un proprio tornaconto alla sua crescita, e negli ultimi anni in maniera esponenziale, grazie anche alla complicità dei sindacati e di chi ha lasciato fare pur di raccogliere qualche avanzo.
Proprio la mancanza dei sindacati ha dato luogo a queste proteste confuse e spontanee, essi non sono più credibili al pari dei politici, occorre dar vita ad una forza nuova, credibile, onesta, altrimenti diventiamo complici delle loro ruberie , bisogna scalzali dalle loro poltrone, dai posti di comando, per non permettere loro di razziare ancora altrimenti quante Regioni Lazio continueranno ad esserci??
Ognuno nel proprio ambito, faccia il proprio dovere, con onestà e con impegno, e non diventi complice del malaffare, della corruzione, della violenza,che invece con coraggio va denunciata. Girare le spalle dicendo non sono affari miei, ha permesso il dilagare del malcostume e della violenza.
Alle prossime elezioni votate per chi può rappresentare onestamente la popolazione (ammesso che ci sia, dobbiamo pur sperare!!!) e non per un guadagno personale che sarà misero rispetto a quanto svenduto del futuro dei nostri figli e nipoti.
La rabbia maggiore è proprio questa: chi si è arricchito o si arrichisce sulle spalle degli altri esseri viventi, per il suo tornaconto limitato alla sua miserabile vita, produce danno ai suoi stessi figli e alle loro generazioni.
E' l' imbecillagine assoluta.

Anonimo ha detto...

PANTA REI
Non tocca a me giudicare se la forma di protesta utilizzata il giorno 1 Ottobre fosse giusta oppure meno….…Il fratacchione non intende né assolvere e né condannare… A noi tocca capire…E francamente, trovo strano questo modo di giudicare e questa voglia di condannare sempre e solo gli ultimi,e mai la CASTA…....Il malessere da dove nasce?….Chi l’ha generato?Chi sono i veri colpevoli?Chi ha reso l’ambiente di lavoro non solo ingovernabile ma vulnerabile su argomenti fondamentali quali sono:IL FUTURO DEI TRASPORTI,LA GIUSTIZIA,I DIRITTI,LA SICUREZZA ,L’ETICA. ….Dov’è la giustizia,se chi deve amministrarla cura solo i suoi interessi?Ragionando sull’immediato:non solo si è amministrato male e gestito peggio l’azienda,ma quel che resta scandaloso è che l’avvicendamento di Amministratori,Capi del personale,e Dirigenti,hanno solo di fatto peggiorato le nostre condizioni di lavoro,senza peraltro evitarne:”LA DECADENZA”….Cosa questa che,li lasciava del tutto disinteressati….In fondo:Il DOMANI ed il FUTURO non li riguardava…
La “ vecchiaia “non è quindi solo un problema anagrafico. La vecchiaia è quel colloso sentimento di stasi,di conservatorismo,di assenza di rinnovamento che ha consumato,corroso e impantanato l’azienda….….Ed in tutto questo disastro si è evidenziato il vuoto,e l’assenza di tutti gli organismi democratici deputati al controllo e alla vigilanza…..….. Il livello di vigilanza doveva essere alto…Il principio generale di ogni Democrazia:obbliga le opposizioni a vigilare sul lavoro di chi amministra e gestisce organizzazione e denaro pubblico… I fatti gravi accaduti ci dicono invece:che la vigilanza è mancata…..
….Dov’era l’opposizione?Chi controllava e cosa si controllava?
Ed alloro per rispondere agli ultimi 3 commenti…..In ordine progressivo:
1)PENITENZIAGITE:Non è l’unico penitente caro amico….La Penitenziagite colpisce anche il fratacchione.Da quando è stato cambiato l’orario ferroviario,(con la soppressione dei primi treni)per recarmi al lavoro,sono costretto ad utilizzare l’automobile ….….Come vede anche noi ci adattiamo a turni di servizio,cicli circadiani sfalsati,dislocazione random dei periodi sonno-veglia, impossibilità di usufruire regolarmente delle domeniche e festività…..…..E per timbrare in orario(ore 6,00)…non solo ci adattiamo alla mancanza di treni; al disordine organizzativo;ad anticipi di orari di cui ne avremmo volentieri fatto a meno…(Partenza ore 5,10) Ci si anticipa l’uscita da casa,anche per affrontare eventuali imprevisti sempre presenti nel nostro di-venire.....
….PANTA REI…Tutto scorre…..
Era l’antico motto di Eraclito,il grande filosofo del divenire…E nel divenire, fatalmente tutto cambia….Ci si adatta a tutto:materiale di scorta che non c’è;anticipo di denaro per acquisti su piazza; Amministratori, politici,dirigenti che vanno via;personale in quiescenza;…..Arriva un tizio e ne passa un altro…..
E noi?Calci in culo,canotto gonfiabile,e attenzione allo scoglio…..Da Corazzata adattandoci e riadattandoci,diventammo bagnarola…..
Dite la verità:c’è qualcosa di stupefacente nella rapidità con la quale pataccari di medio calibro cambiavano idea su questioni che riguardavano la nostra azienda…..
PANTA REI,PANTA REI dicevano……Ed effettivamente le cose per noi cambiavano in peggio…E loro gongolanti e contenti continuavano a recitare…..PANTA REI,PANTA REI….E giù patacche,promesse,gli schiaffi,il furore,la bava alla bocca,e gradatamente la gente si abituava a seguire gli eventi come un atroce spettacolo….Intanto la vita in Circumvesuviana scorreva lenta…Vecchi attori di teatro calcavano la scena nell’era dei VICERE’……Dopo i vecchi attori,vennero:maghi,prestigiatori,e antichi gattopardi che si erano subito rifatti il look …..Lo spettacolo intanto continuava: chiacchiere,finzioni sceniche,e passi felpati…..Nel Caravanserraglio venivano fatti esibire,convincendoli che nonostante i disastri,erano ancora amatissimi… Poi venne un Amministratore ottantenne....Un ex socialista evaporato con l’età…….Paventò un possibile e probabile licenziamento...Tutto cambia....


Anonimo ha detto...

2) Cos'è un uomo in rivolta,si domanda Alberto Camus? Un uomo che dice no!
Quest'uomo che protesta,dice no a che cosa e perché?
Ci tengo a ricordarvi che oltre al mancato pagamento degli stipendi,ormai cronicizzato,c'è un fallimento alle porte paventato da tempo....
E continuando con le citazioni potrei chiedervi:

"Ha notato che soltanto la morte ci ridesta i sentimenti? Ma lo sa perché siamo sempre più giusti e generosi con i morti? È semplice. Verso di loro non ci sono obblighi. […] Se un obbligo ci fosse, sarebbe quello della memoria, e noi abbiamo la memoria corta. Nei nostri amici,noi amiamo il morto fresco, il morto doloroso, la nostra emozione,….noi stessi insomma.(Anche questa è di Alberto Camus)...

Come osserverete si ritorna sempre alla memoria...
Chi ha sfasciato il Trasporto Pubblico Locale?I talenti dove sono stati sprecati??Chi non ha evitato:tragedie, disastri,e deragliamenti ferroviari?Chi doveva investire sulla SICUREZZA?
Potrei risponderle con le osservazioni dell’ultimo commento che condivido integralmente…..
Con gli ultimi fatti si è sfiduciata non solo la politica,ma tutta la classe dirigente….Quelli che hanno il potere di prendere le decisioni sul nostro destino… Ed a nulla serve criticare e osteggiare senza capire in quale precipizio economico,morale,organizzativo siamo stati trascinati ….…Lo spettacolo dato in questi anni è stato a dir poco penoso…A fronte delle continue esortazioni a portare pazienza,perché non ci sono risorse economiche;alla promessa che il crono programma avrebbe prodotto degli effetti;è arrivata anche la prova che molti soldi venivano buttati;che si regalavano promozioni non dovute(MetroCampaniaNordest);che chi aveva il potere si è tenuto stretti i propri privilegi… Quindi non deve sorprendere che la sfiducia sia più bruciante nei confronti dei sindacati e di chi doveva controllare:perché da loro ci si aspettava di più…L’accusa oggi rivolta a Dirigenti,Amministratori,politici e Sindacati è che pensano solo a farsi gli affari propri,e che badano solo al proprio interesse….. Per concludere:non si vuole fare le vittime sacrificali degli errori altrui….A tal proposito bisogna dire che illustri precedenti in Circumvesuviana non mancano…..Domandate al macchinista coinvolto nel tragico deragliamento:processato e condannato mediaticamente a furor di popolo….Una bufala colossale…..Le indagini e la chiusura degli atti da parte del P.M furono al momento incontestabili….. Dicevo:non ho mai creduto alla tecnica del capro espiatorio ……Trovare colpevoli da crocifiggere assolvendo di fatto colpe di chi per compiti e responsabilità ci doveva salvare dal naufragio è un comportamento viziato da pregiudizi e luoghi comuni….Non c'è solo il declino della grande corazzata:ma è la fuliggine,il grasso,la ruggine che stava sotto la plancia di COMANDO che viene fuori sporcando tutto...E' una brutta storia,cominciata e mai finita,che adesso sputa olio sulla ciurma....C'è chi urla,e chi lavora....Peccato che coricati come il CONCORDIA,restiamo in ammollo tutti!!!!
Non siamo quindi NOI l’origine del malfunzionamento dei trasporto in Circumvesuviana…
Gli untori e i colpevoli non li cercate tra il personale…..Ma questa è un’altra storia su cui prima o poi bisogna ritornare….……..

Frate Guglielmo

Anonimo ha detto...

……IL DISCORSO “ ALLA NAZIONE “ DEL GRANDE ATTORE.....

Uno spazio particolare merita l’arringa al popolo del grande dicitore….
Provò a cercare uno straccio di etica affermando che “ venivano minacciate di licenziamento delle persone per salvarne altre “beninteso se non trovavano collocazione in altre mansioni….Un discorso un po’ ipocrita,visto che tutti sappiamo come le aziende tagliano per incrementare il proprio guadagno o per salvarsi dal fallimento procurato dalle stesse persone che successivamente saranno chiamati(SIC!) a furor di popolo “ SALVATORI DELLA PATRIA”….
Ed allora dicevo:dopo aver paventato,con l’arma del ricatto,possibili licenziamenti, sul proscenio della ribalta si avvicinò il grande attore(SIC!)…Aprì lo spartito,cercò un assenso dai suonatori di Brema,e ottenendolo sussurrò:” Saranno vincoli o sparpagliati “…..Si diede una risposta,si fece forza,attirò l’attenzione dell’orchestra e senza sbavature rivelò l’inganno e ci disse…:


----“ Nel caso di deprecabile mantenimento del tabù che proibisce il licenziamento,dovete almeno rinunciare a quella fastidiosa riserva mentale che non vi fa concepire UN LAVORO SENZA STIPENDIO…. Naturalmente,è assurdo discutere di lavoro se ogni volta si pretende di affrontare anche l’argomento DENARO….Con la venalità,non si fa molta strada e nemmeno carriera….Perciò evitate di cianciare al diritto di conservare non solo i precedenti livelli salariali,ma di recuperare anche quelle voci di salario differito inserite nei contratti di secondo livello,ed abrogati il 16 Dicembre 2011…
…..Quindi,capirete che senza l’obbligo a dover garantire:organici,diritti,clausole sociali e persino gli stipendi al 27,la nuova Impresa conserverebbe tutta la sua libertà,i suoi diritti civili e persino il diritto alla felicità…. Sarà pure doloroso,ma ce lo chiede il debito da ripagare;c’è lo chiedono LE CASTE(con le laute ed ingiustificate ricompense,ad Amministratori,dirigenti,e Direttori);il Commissario ad Acta che non viene mai;le clientele da salvare; e persino L’EUROPA…..
….PANTA REI….. Tutto scorre per voi,ma niente cambia per NOI…..….

P.S:Scrivevo in ab illo tempore….(QUEI FIGURI ANTICHI DI TANTI ANNI FA---I GATTOPARDI……)
......Tanto per capirci,il modello di cui temo(ahimè!)l’applicazione,è quello di Ken Loach e delle ferrovie inglesi(The Navigators)….
“Svendere il Patrimonio(cespiti aziendali)-Abbassare il costo del lavoro-Esternalizzare-Privatizzare….”
Raggiunto l’obiettivo,in rapida successione:fuoriuscita dei lavoratori in esubero dal ciclo produttivo, competizione,e aumento di produttività….Come?Con meno organici,compressione dei tempi di lavorazioni, spostamento del personale attraverso una mobilità spregiudicata,flessibilità e soprattutto ricatti…E tutto questo:a discapito di cosa?Ovviamente:dei lavoratori e della sicurezza...Ed a vantaggio di chi?Dell’IMPRESA! E’ un’equazione perfetta per avere il controllo assoluto:del basso costo del lavoro,della diminuzione dell’organico occorrente e della conflittualità in azienda…..
PANTA REI….Tutto scorre….
Ego Vobis, “Vos Mihi “
Frate Guglielmo