BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

31 luglio 2012

UCCISA MENTRE E' AL LAVORO LA MOGLIE DEL COLLEGA MACCHINISTA DELLA CIRCUMVESUVIANA ALFONSO ESPOSITO

UN ALTRO TRAGICO EVENTO COLPISCE LA GRANDE "FAMIGLIA" CIRCUMVESUVIANA. 
AD UN MESE DI DISTANZA DALLA TRAGEDIA PER CAUSE ACCIDENTALI CHE VIDE SPEGNERSI LA PICCOLA VITA DEL NIPOTINO DI TRE ANNI DI DUE NOSTRI COLLEGHI, IERI QUELLA CHE NON PUO' CHE ESSERE FOLLIA OMICIDA, HA COLPITO IL MACCHINISTA ALFONSO ESPOSITO.

QUESTA VOLTA NON C'E' ACCIDENTALITA' MA PIUTTOSTO DETERMINAZIONE.
LA MOGLIE DI ALFONSO, SIG.RA ANNA IOZZINO, RAGGIUNTA DA NUMEROSI COLPI DI ARMA DA FUOCO, PURTROPPO NON CE L'HA FATTA ED E' SPIRATA NELLA SERATA DI IERI, ALL'OSPEDALE MARESCA DOVE ERA STATA SUBITO TRASPORTATA.

NON CI VA DI AGGIUNGERE ALTRO. TUTTI I GIORNALI IN QUESTE ORE RACCONTANO LA CRONACA DI UN EPISODIO A DIR POCO ALLUCINANTE, PURTROPPO NON IL PRIMO DEL GENERE. A NOI INTERESSA ESPRIMERE IL NOSTRO CORDOGLIO AL COLLEGA ANCHE SE SIAMO CONSCI CHE NESSUNA PAROLA DETTA,  TANTOMENO SCRITTA, PUO' IN QUALCHE MODO ALLEVIARE IL DOLORE DI ALFONSO PER UNA COSI' GRAVE PERDITA, AVVENUTA IN CIRCOSTANZE TANTO TRAGICHE.

AD ALFONSO, AI FIGLI ED ALLA FAMIGLIA TUTTA DELLA SIGNORA ANNA, LE  CONDOGLIANZE DELLA REDAZIONE E DEI COLLEGHI TUTTI. 

LA REDAZIONE   

2 commenti:

Anonimo ha detto...

un abbraccio forte e sincero per Alfonso Esposito e i figli. siamo vicini al vostro dolore. Famiglia Zarro Massimino

Anonimo ha detto...

Il FATTO riportato al momento con un'enfasi da tragedia come meritava, ha avuto purtroppo l'epilogo che nessuno avrebbe voluto accadesse. Quando ho sentito che dietro la famosa frase dei mass media, forse anche un po' ipocrita, "la signora non ce l'ha fatta" mi si è stretto il cuore. Ho pensato "un'altra vita spezzata sul lavoro". Morte bianca? Molto peggio e doloroso. Ora che il buon Giovanni ci riferisce che essa era la moglie di "uno di voi", mi sento ancora più tramortito pensando al momento che stanno vivendo il vostro agente ed i suoi figli.
Un doveroso e commosso abbraccio alla famiglia Esposito.