BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

....

6 dicembre 2016

Fwd: foto e riflessioni sul presepe




Distinti saluti
Giovanni Navarone
 Circumvesuviana
Gestione Turni rete (GTR)
cell 3935452482 (81089 cod)


 

---------- Messaggio inoltrato ----------
Da: Emilio Vittozzi <e.vittozzi@eavsrl.it>
Date: 6 dicembre 2016 14:43
Oggetto: foto e riflessioni sul presepe
A: "g.navarone@vesuviana.it" <g.navarone@vesuviana.it>, "g.navarone@eavsrl.it" <g.navarone@eavsrl.it>, Giovanni Navarone <giovanninavarone@gmail.com>


A BETLEMME, A BETLEMME...
 
E' aperta dal 26 novembre all'8 gennaio 2017 la trentunesima Mostra di Arte Presepiale organizzata dall'Associazione Italiana Amici del Presepio-Sede di Napoli, con il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura e turismo del comune, nel complesso monumentale San Severo al Pendino in Via Duomo n°286 a Napoli.
L'affascinante mostra è aperta nei giorni feriali dalle ore 9,00 alle 19,00 (orario continuato); il sabato, la domenica e nei giorni festivi dalle ore 9,00 alle 21,00.
Il biglietto d'entrata costa 1,00€e l'ingresso è gratuito per i minori accompagnati.
Le opere esposte, come tradizione di questa mostra, sono di un grande livello artistico; presepi veri e propri e produzioni di oggetti presepiali. Così si possono osservare natività e strumenti musicali, madonne che allattano e bufali, il tutto in un contesto che trasporta il visitatore in un mondo... d'altri tempi, mentre fuori il traffico di Napoli non accenna a placarsi.
Tutte le opere sono incantevoli, nessuna esclusa, ma chi scrive è stato artisticamente colpito da quella di Marco Civale ("Tarantella") e di Franca Patriarca ("Esodo").
La prima si collega alla tradizione musicale di Napoli, città di canzoni, per niente blasfema: la musica per "omaggiare" il Divin bambino.
La seconda, invece, è di un'attualità drammatica: rappresenta migranti, persone, cioè, che scappano da guerre, massacri, carestie.
In pratica ciò che i telegiornali ci fanno vedere ogni giorno, ad ogni ora...
In definitiva ciò che erano Giuseppe e Maria: migranti, persone, cioè, che cercano un rifugio per far nascere... Gesù!
E qui, a chi scrive, vengono in mente le parole di Don Tonino Bello in "Scomodi auguri": "Maria, che trova solo nello sterco degli animali la culla ove deporre con tenerezza il frutto del suo grembo, vi costringa con i suoi occhi feriti a sospendere lo struggimento di tutte le nenie natalizie, finchè la vostra coscienza ipocrita accetterà che lo sterco degli uomini o il bidone della spazzatura o l'inceneritore di una clinica diventino tomba senza croce di una vita soppressa. / Giuseppe, che nell'affronto di mille porte chiuse è il simbolo di tutte le delusioni paterne, disturbi le sbornie dei vostri cenoni, rimproveri i tepori delle vostre tombolate, provochi corto-circuiti allo spreco delle vostre luminarie, fino a quando non vi lascerete mettere in crisi dalla sofferenza di tanti genitori che versano lacrime segrete per i loro figli senza fortuna, senza salute, senza lavoro.".
Parole scritte con il cuore da Don Tonino Bello, morto il 20 aprile 1993.
Parole attualissime anche oggi, Natale 2016...

EMILIO VITTOZZI

 

 

 

Nessun commento: