BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

....

23 settembre 2016

RICEVO E PUBBLICO LE BELLE FOTO SCATTATE DAL COLLEGA GENNARO IOVINO ALLA FESTA DELLA MADONNA DEL LAURO, CON CELEBRAZIONE DELLA S. MESSA DI COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI (LAVORATORI CIRCUM) NELLE PERTINENZE DELLA STAZIONE

Meta – L’approssimarsi del mese di settembre per i metesi e per gli abitanti dell’intera Penisola Sorrentina, coincide con con la festa più conosciuta in tutta costa quella della Madonna del Lauro. Nel piccolo comune costiero, vi è la stazione ferroviaria della ex Circumvesuviana, attualmente gestita dal gruppo E.A.V., dove all’interno precisamente alla testa del binario 2 dello scalo ferroviario di Meta, vi è ubicata una edicola votiva dedicata proprio alla Vergine del Lauro. Quest’anno, dopo ben 26 lustri trascorsi a celebrare con fede e gioia la Solennità di Maria Santissima del Lauro, varie vicende avevano indotto il comitato organizzatore formato dai ferrovieri in attività ed alcuni in pensione a “rinviare” l’appuntamento con la Santa Vergine. Col passare del tempo mentre maturava sempre più forte la decisione di voler posticipare di un anno questa oramai tradizione del 12 settembre, grazie ai continui incitamenti ed alla vicinanza sempre dimostrata a tutto il personale di stazione dal primo cittadino Metese Giuseppe Tito, non chè dalle richieste che venivano dai normali cittadini al fine di conoscere se veniva celebrata la “festa dei ferrovieri”, ecco che alla fine il NO e divenuto SI. Anche quest’anno come oramai dal lontano 1989 (ben 27 anni fa), quando un un gruppo di dipendenti dell’ allora S.F.S.M (Strade Ferrate Secondarie Meridionali), volle celebrare una Messa presso l’edicola votiva intitolata a Maria SS.ma del Lauro presente nello scalo ferroviario costiero, per affidare a lei le fatiche quotidiane sul lavoro ma un modo per ricordare tutti i colleghi scomparsi. Gli anni sono passati da quel 1989 ed oggi a 27 anni di distanza, questa celebrazione è divenuta più grande. Ora non si svolge più nei pressi dell’edicola della Vergine, ma nel parcheggio adiacente la piccola stazione ferroviaria. Alla cerimonia ora prendono parte le autorità cittadine, il Sindaco con tanto di fascia tricolore, la giunta, i membri del Consiglio Comunale, i vertici aziendali della ferrovia e le autorità Militari presenti sul territorio. Ultimamente si è riscontrato anche un maggiore interessamento dei cittadini di Meta che oramai ne stanno facendo un appuntamento fisso nel giorno della festa della loro celeste Patrona. Ancora una volta grazie allo zelo ed all’abnegazione dei dipendenti in servizio ed alcuni già in pensione, anche se tra mille difficoltà (quelle alla fine …. non mancano mai), si riesce a tenere fede a questo appuntamento speciale con la Madonna. Qualche anno fa, il blog aziendale dell’ E.A.V. in un suo pezzo di presentazione della cerimonia recitava :”… UNA FESTA PER I MORTI MA ANCHE E SOPRATTUTTO PER I VIVI CHE MAI POTRANNO DIMENTICARE UNA VITA INTERA DI LAVORO DEDICATA AL LAVORO IN FERROVIA, DA PARTE DEI PROPRI CONGIUNTI CHE NON CI SONO PIU’ “ ; infatti sarà come voluto da chi anni indietro ideo questa celebrazione uno speciale ricordo per coloro i quali percorrendo il binario della vita hanno già raggiunto la loro stazione terminale …” La Casa del Padre”.
Seen by Salvatore Testa at 13:11

Fonte Gazzettino Sorrentino 

positano news: Anche il presidente Eav Umberto De Gregorio alla festa ritrovata della “Madonna dei ferrovieri” Meta – La festa della Madonna del Lauro del 12 settembre ritrova, quasi in extremis, la solenne celebrazione dedicata alla cosiddetta “Madonna dei ferrovieri”, l’edicola maiolicata installata nello scalo ferroviario metese dell’Eav. La celebrazione, divenuta ormai tradizione da 27 anni, aveva rischiato quest’anno di interrompersi in vista dell’affidamento a terzi dell’area di sosta attigua alla stazione, luogo dove da sempre si svolge la cerimonia. Il desiderio e la devozione della cittadinanza hanno però fatto sì che il sindaco della cittadina costiera, Giuseppe Tito, consentisse nelle ultime ore lo svolgimento del rito, posticipando di qualche giorno l’affidamento dell’area. Tradizione rispettata quindi, che, oltre alla presenza delle autorità civili e militari cittadine, vedrà la partecipazione quest’anno di un’ospite d’eccezione quale il presidente dell’Eav Umberto De Gregorio a cui si affiancheranno anche i dirigenti dei vari dipartimenti. L’appuntamento è lunedì alle ore 10,30 quando sarà deposta una corona d’alloro davanti all’effige maiolicata della Vergine in memoria dei ferrovieri defunti, cui seguirà la recita della “Preghiera del ferroviere”. Alle 10.45 celebrazione eucaristica presieduta da don Giuseppe Cappiello, parroco di Montechiaro. Ad animare la liturgia, il coro proveniente sempre dalla parrocchia della frazione vicana diretto da Annarita Mercatelli e Margherita Savarese. La messa sarà conclusa dalla poesia composta e recitata dalla giovane voce della nipote di un autista defunto, la quale successivamente recherà anche un omaggio floreale alla Vergine. A seguire, alle ore 11.30, “Cantata per Maria” con la voce del maestro Alberto D’Angelo. Inoltre in questi giorni entra nel vivo anche il programma dei festeggiamenti che si erano aperti all’inizio del mese di settembre alla presenza dell’arcivescovo di Spoleto – Norcia, Renato Boccardo. Ad affiancare i festeggiamenti religiosi anche gli eventi civili che vedono la collaborazione di amministrazione comunale, Pro loco e comitato parrocchiale. Da stasera, sabato 10 settembre, alla spiaggia di Meta, parte infatti “Meta mare in festa”: gastronomia, musica, intrattenimento e artisti di strada per tre serate in cui una parte del ricavato sarà devoluto alle popolazioni terremotate del Centro Italia. Domenica 11, sempre alla marina di Meta, spazio alle percussioni e ai ritmi di Tullio De Piscopo. Il giorno della festa, lunedì 12, intrattenimento musicale in giro per le strade di Meta con la banda “Città di Sorrento”. Come da tradizione, i festeggiamenti in onore della Madonna del Lauro saranno conclusi dall’attesissimo spettacolo di fuochi pirotecnici sul mare a partire dalle ore 23.

Le foto.



































Nessun commento: