BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

....

14 marzo 2016

RICEVO E PUBBLICO


ALLUCINANTE...

Napoli - Piazza Garibaldi è tappezzata di manifesti del Centro Socio Culturale "Ricomincio da dieci" di Piazza Nicola Amore 6 riportanti lo slogan "Maradona Stadium - intitoliamo lo Stadio San Paolo a Maradona" e fin qui tutto bene, tutto nella normalità... Diego Armando Maradona è stato il più grande giocatore che ha indossato la maglia azzurra del Napoli ed è giusto che qualcuno si attivi affinchè lo stadio dove è stato protagonista assoluto per vari anni sia intitolato a lui. E' giusto e finanche doveroso credo, in tutta sincerità!
Quello che, però, colpisce in negativo è la foto di Antonio del Piano che mantiene ben in vista una maglia azzurra con la scritta "Speziale innocente".
Antonio Speziale è uno dei due ultrà del Catania condannati per la morte dell'Ispettore Capo di Polizia Filippo Raciti!
Adesso la sentenza è definitiva: la Cassazione ha confermato la condanna anche nei confronti dell'altro ultras etneo che era assieme a Speziale la sera dei disordini per la partita Catania-Palermo del 2 febbraio 2007, Daniele Micale!!
La scritta "Speziale libero" divenne tristemente famosa per essere indossata da Gennaro De Tommaso, Genny 'a carogna, prima di Napoli-Fiorentina del 3 maggio 2014...
Sembra che Antonio del Piano si candidi al Consiglio Comunale di Napoli con la lista "Ricomincio da dieci": io non so se è schierato a destra, a sinistra o al centro. So solo che i tifosi del Napoli, di qualunque colore politico siano, non devono assolutamente dare la loro preferenza ad una persona del genere, che inneggia ad un condannato per omicidio preterintenzionale, peraltro a soli otto anni di reclusione!!!
La riflessione che si può facilmente fare è che si considerano i tifosi come elettori ciechi, senza intelletto, facilmente raggirabili. Un pò come capita da sempre con i pacchi di pasta e le scarpe del Comandante Achille Lauro, una volta, o i 50 € dati dopo la foto della scheda votata in cabina elettorale, di questi tempi...

Emilio Vittozzi




Nessun commento: