BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

......

20 novembre 2013

OGGI SONO DUE SETTIMANE DI UN' EMERGENZA ORMAI DIVENTATA QUOTIDIANITA'.

BOSCOREALE Il calo di energia elettrica per la morosità di Circumvesuviana provoca i primi grandi disagi: solo sfiorate per fortuna, invece, le prime conseguenze tragiche. Teatro del nuovo pesante disservizio dell’azienda di trasporti su ferro sono le aree di Cangiani e San Pietro, tra Scafati e Boscoreale, dove nella giornata di ieri sono intervenuti gli uomini della polizia municipale di entrambi i Comuni per fronteggiare una situazione di vera e propria emergenza.La riduzione dell’erogazione di energia elettrica, infatti, ha mandato in tilt alcuni passaggi non custoditi e dove al transito dei convogli si abbassano semplicemente le sbarre, oltre all’attivazione del segnale acustico. Tuttavia si sono verificati dei malfunzionamenti, immediatamente comunicati dai cittadini ai sindaci dei due Comuni che si sono subito messi all’opera per garantire la sicurezza delle persone.
Una situazione che resta ad ogni modo molto precaria, tant’è che i sindaci Balzano e Aliberti si sono rivolti all’Eav attraverso una comunicazione urgente: «Nel nostro territorio i passaggi a livello non custoditi sono già più volte stati scenari di incidenti mortali. Riteniamo sia opportuno avvisare i cittadini affinché, in attesa di interventi di Circumvesuviana, prestino la dovuta attenzione».
Fonte: http://www.ilfattovesuviano.it/2013/11/passaggi-livello-tilt-cangiani-e-san-pietro-caos-circumvesuviana/


fonte:blog

Le foto che seguono, scattate dal gestore Roberto Odoroso e il video ripreso nella serata del 19, riguardano il passaggio a livello della circumvesuviana di via Vammani IS.Giuseppe, completamente al buio per la ormai notoria nonchè vergognosa morosità aziendale. 





LA GARITTA DEL PL NELLA QUALE SI INTRAVEDE APPENA
LA SAGOMA DELL'OPERATRICE DI LINEA
IN SERVIZIO DI SECONDO TURNO



video


Oltre a questo, diversi altri impianti,sono nelle stesse condizioni ormai dal 7 novembre scorso.Inoltre sulla tratta Scafati - Poggiomarino,come accennava il giornalista nell'articolo precedente,ben otto impianti sono in tilt da ormai quindici giorni. Sono impianti normalmente impresenziati (incustoditi) ma protetti da semi barriere e da segnali ottico-acustici, il cui funzionamento in piena efficienza, a causa della riduzione del 30% dell'erogazione dell'energia elettrica da parte di Eni Energia, non è al momento garantito. 
Per questo motivo, quasi tutti i giorni, (quando non si riesce la tratta resta inibita alla circolazione treni) vengono comandati (la maggioranza in prestazione straordinaria), 16 agenti (due turni per ogni impianto) che con la loro presenza, garantiscono il passaggio dei convogli, in sicurezza. 

QUANDO FINIRA' QUEST'EMERGENZA ? CARI DIRIGENTI, DATECI UN SEGNO...UNA SPERANZA. 
EMETTETE UN "FIATO".....

Nel frattempo i ringraziamenti per questa collaborazione quotidiana,ai colleghi dei pl, delle fermate e delle stazioni che si stanno avvicendando in un presenziamento che avviene alle intemperie per otto ore e senza altro ausilio se non la propria auto, nella quale ripararsi tra il passaggio di un treno e l'altro. 

giona

P.S.

Nel ringraziare soltanto i colleghi della circumvesuviana per la loro collaborazione in questi quindici giorni di emergenza, ho commesso una grave mancanza per cui mi cospargo il capo di cenere. Infatti non ho ringraziato anche i colleghi della ditta Florida che si stanno facendo il mazzo, presenziando tutte le mattine i SOA: Cangiani I, Cangiani II, S. Antonio e Palumbo. 
La dimenticanza come spiegato al telefono al collega Francesco Grimaldi che ha giustamente ma senza alcuna vena polemica puntualizzato, seppur grave è stata commessa in buona fede e di questo Francesco mi ha dato atto. 

Colgo dunque l'occasione per un augurio che rivolgo a tutto il personale delle ditte che lavorano per l'EAV e cioè quello che possano entrare a far parte integrante e integrale (una volta l'operazione si chiamava assorbimento) quanto prima, assieme a tutti noi, di questa Azienda. 

Con simpatia e rispetto
Giona 

1 commento:

Anonimo ha detto...

Nell arte del rimandare sono maestri i nostri dirigenti... lo fanno su tutto...anche d innanzi a sentenze esecutive. Brv.

Cocco77