BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

12 settembre 2013

DAL COLLEGA GREGORIO BEZZECCHERI RICEVO E VOLENTIERI PUBBLICO ANCHE SE CON UN PIZZICO DI RITARDO

Caro Direttore, scusa se mi permetto l'ardire di inviarti la Parola di Dio di oggi. Ma ho pensato subito che sia necessario, ogni tanto, farne parte i lettori del mitico ed ormai leggendario BLOG.
In particolare mi preme che tu la pubblichi perché in questi tempi di difficoltà, di crisi esistenziali, morali, economiche, sociali, umanitarie, sentire e soprattutto leggere (quindi non potersene sottrarre fisicamente) ciò che Gesù ci dice sia essenziale per lanciare un impulso, dare una piccola scossa a tanti che come me sono egoisti, superbi, orgogliosi, superiori ad una realtà umano-cristiana che DEVE essere vissuta con umiltà, pazienza, solidarietà, partecipazione, attenzione alle necessità di tutti coloro che sono bisognosi e di tutti coloro che nella sofferenza non trovano riscontro da parte del prossimo...
Ovviamente, ogni riferimento a cose, persone, Enti Locali, Consorzi, Aziende, partiti, sindacati, politici, responsabili a tutti i livelli fino ad arrivare a quelli massimi mondiali, E' PURAMENTE CASUALE...
Aggiungo solo, come mia opinione del tutto personale, che i nostri ed i loro cuori sono pietrificati, le menti offuscate, i sensi confusi e le coscienze, soprattutto, sono ormai quote di anime che riescono a contenere solo il proprio ego...
Pertanto, nel cercare di coinvolgere l'attenzione a questi indicatori di livello planetario lascio ad ognuno le conclusioni che ne trarrà; ma non si potrà mai sfuggire alla VERITA', quella che ci mette in ginocchio dinanzi alle nostre individuali responsabilità, seppure, in innumerevoli casi, condivise per < cause imprecisate > .... 

Gregorio Bezzeccheri      Emoji
 
 

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 6,20-26. Alzati gli occhi verso i suoi discepoli, Gesù diceva: «Beati voi poveri, perché vostro è il regno di Dio.
Beati voi che ora avete fame, perché sarete saziati. Beati voi che ora piangete, perché riderete.
Beati voi quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e v'insulteranno e respingeranno il vostro nome come scellerato, a causa del Figlio dell'uomo.
Rallegratevi in quel giorno ed esultate, perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nei cieli. Allo stesso modo infatti facevano i loro padri con i profeti.
Ma guai a voi, ricchi, perché avete gia la vostra consolazione.
Guai a voi che ora siete sazi, perché avrete fame. Guai a voi che ora ridete, perché sarete afflitti e piangerete. 
Guai quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti facevano i loro padri con i falsi profeti.

Nessun commento: