BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

..... ...... ......

18 settembre 2013

DA PASQUALE BONITO RICEVO E PUBBLICO

Non sono mai stato un fervente cattolico né però ho mai anteposto l'uomo a Dio e le letture del Vangelo non mi sono mai sembrate inutili, ipocrite e fuori luogo e dico questo e scrivo questo perché oggi più che mai , alla luce di un fatto increscioso che mi vede protagonista e complice mi sono riproposto di leggere e di ricordare a chi aprirà questa pagina e anche a chi sicuramente non l'aprirà perché mosso da altri propositi il passo dal Vangelo di Giovanni 8, 1-11:

In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma all'alba si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui ed egli, sedutosi, li ammaestrava.
Allora gli scribi e i farisei gli conducono una donna sorpresa in adulterio e, postala nel mezzo, gli dicono: "Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?". Questo dicevano per metterlo alla prova e per avere di che accusarlo.
Ma Gesù, chinatosi, si mise a scrivere col dito per terra.
E siccome insistevano nell'interrogarlo, alzò il capo e disse loro: "Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei". E chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Ma quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani fino agli ultimi.
Rimase solo Gesù con la donna là in mezzo. Alzatosi allora Gesù le disse: "Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?". Ed essa rispose: "Nessuno, Signore". E Gesù le disse: "Neanch'io ti condanno; va' e d'ora in poi non peccare più".

Nessun commento: