BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

..... ...... ......

2 maggio 2013

AHI..AHI...AHI ! SIGNORA GHIDINI... MI E' CADUTA SUL..."SERVIZIO !"

LA GIORNALISTA
FRANCESCA GHIDINI
Venti minuti e forse più d'intervista, nel corso della quale a turno tre macchinisti della circum, spiegano dettagliatamente e con  plausibile concitazione all'amministratore unico di EAV quanto accaduto mercoledì 1° maggio sui convogli dell'azienda di recente incorporata nell'Ente Autonomo Volturno, diventano due minuti scarsi di clip video a cura della dott.ssa Ghidini 
di RAI 1. 

L'incontro sotto l'occhio vigile della telecamera, tra la giornalista della RAI, il prof. Nello Polese e le esasperate "maestranze" della ex circumvesuviana, è avvenuto giovedì mattina intorno alle 11.30, nello spazio antistante l'ufficio relazioni con il pubblico dell'ingresso della stazione di Napoli Nolana. 
Si sono avvicendati al microfono della giornalista i macchiisti: Catello Di Martino, Filippo Cuomo e Giovanni Graziuso ed ognuno ha dato il suo contributo, anzi posso tranquillamente dichiarare in quanto c'ero, che non gliel'hanno certamente mandata a dire al prof. Polese. 

In particolare il "vocione" di Catello Di Martino ha più volte echeggiato nella hall della biglietteria di Napoli porta Nolana. Ma quello che ha "inchiodato" il nostro amministratore unico,  non è stato il timbro di voce di questo o quel collega, quanto piuttosto il contenuto di quanto esposto. Il richiamo al fatto che i macchinisti attraverso il sindacato Orsa avevano annunciato con  ben tre giorni di anticipo con un fax conosciuto da tutti, compreso Polese, quanto poi è ormai diventato cronaca di una vergogna annunciata. 
L'amministratore che ha ascoltato con attenzione quanto esposto dai colleghi, alla fine non ha potuto che chiedere scusa per quanto accaduto, riconoscendo coram populo, lo spirito di abnegazione ancora una volta dimostrato dai Ferrovieri di (ex) Circumvesuviana. L'intervento di Filippo Cuomo forse il più lungo dei tre interventi, ha delineato chiaramente il quadro disperato delle ore in cui, alla guida di uno dei treni super affollati diretti a Sorrento si è visto costretto a saltare ben sette fermate, per evitare il morto ! Ha detto proprio così e noi tutti, sappiamo quanto siano vere quelle parole. Filippo, ai tentativi della giornalista di portare il discorso unicamente sul vandalismo quasi a volerlo indicare come causa principale dei disagi verificatisi giovedì,  ha continuato ribadendo più volte che il vandalismo, pur essendo un fenomeno non trascurabile in circumvesuviana, nella circostanza è stata una conseguenza inevitabile del servizio di trasporto "da bestie" che l'azienda incorporata EAV ha potuto offrire alla propria utenza con un parco treni ridotto al lumicino. Ed io aggiungo che in quelle condizioni che ho dettagliatamente descritto in tempo reale nel post, pubblicato nella giornata in cui gli eventi si stavano verificando, anche mia nonna si sarebbe trasformata in un vandalo pur di sottrarsi a condizioni che di umano ad un certo punto, non hanno avuto più nulla. Dunque, vandalismo una beata minchia, così direbbe Cetta La Qualunque, qui siamo di fronte a strafottenza bella e buona o quanto meno ad incoscienza disarmante. L'invito finale di Filippo Cuomo e degli altri colleghi all'indirizzo del prof. Polese che non la finiva piu' di darci ragione di fronte alla telecamera, è stato quello di prendere i dovuti provvedimenti, per domenica 5 maggio, altro sicuro appuntamento con la vergogna. E se non ci sono le possibilità di richiedere anche l'intervento dell'esercito se necessario (n.d.r), allora è meglio chiudere ma la chiusura la dovrà decretare EAV ormai consapevole di non poter consentire più il ripetersi di una giornata come quella del 1° maggio.
Bene di tutto questo e di altro ancora, perchè  Catello De Martino ha parlato con Polese che sta effettuando delle verifiche sull'argomento, anche dello scandalo dei treni  Metrostar dei quali diversi fermi in officina in quanto pur essendo nuovi fanno più schifo dei vecchi ma onorevoli etr. Insomma, come ho scritto all'inizio venti minuti condensati in scarsi due minuti, in un video che pare voglia addossare la colpa di quanto accaduto ai vandali e alla crisi economica. 

Ahi ...ahi....ahi.....dott.ssa Ghidini mi dispiace ripetermi ma lei mi è caduta proprio sul ......"servizio!". Con stima, lo scribacchino di "vesuvianando". giona

ED ORA GUARDATEVI "L'ESAUSTIVO" SERVIZIO DI RAI UNO...


        

1 commento:

Anonimo ha detto...

A meno che negl'interventi nel TGR di Polese e Vetrella non sia stato omesso qualcosa per esigenze di spazio, li ritengo del tutto qualunquistici ed inadeguati alla catstrofe del 1 Maggio. Il primo si è limitato a dire che gli servono soldi per far funzionare "la baracca" mentre il secondo parlava dell'inadeguatezza (ma l'ha detto in maniera grossolnana) dei controlli per verifica biglietti. Chi vive l'azienda giorno per giorno (il personale in prima linea e poi l'utenza che se ne serve) comprende che, come in una guerra, occorrono ben altra determinazione ed ideee, per far fronte al problema quotidiano e domenicale. Giunge notizia che Vincenzo De Luca, di cui conosciamo la veemenza e "l'amor patrio" è stato nominato sottosegretario ai trasporti. Può essere considerato una "speranza" per il grave momento del trasporto in Campania?