BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

6 maggio 2013

"ADOTTA" UN TORNELLO. IN ATTESA DI NUOVE ASSUNZIONI, DIAMO IL VIA AL VOLONTARIATO IN EX CIRCUMVESUVIANA

PROBABILMENTE LA PROPOSTA VERRA' ACCOLTA COME UNA PROVOCAZIONE E IN PARTE FORSE LO E' MA A PENSARCI BENE, POTREBBE ESSERE UNA SOLUZIONE, ANCHE SE MI AUSPICO TEMPORANEA. L'ESPERIMENTO VARCHI A NAPOLI NOLANA E IN SPECIAL MODO A NAPOLI GARIBALDI LADDOVE ESISTONO ANCHE GROSSISSIMI PROBLEMI LOGISTICI E DI SICUREZZA CHE TRA L'ALTRO NESSUNO SEMBRA VEDERE, SI SONO RIVELATI UN FALLIMENTO. A MIO AVVISO NON E' UN SISTEMA DI CONTROLLO ADATTO ALLA NOSTRA REALTA',  ALMENO NON COSI' COM' E' GESTITO.
ALLO STATO ATTUALE POI, VUOI LE CONTINUE SOPPRESSIONI E QUINDI LO STATO D'ANIMO NEI NOSTRI CONFRONTI  DA PARTE DEI VIAGGIATORI PAGANTI CHE NON E' PROPRIO DEI MIGLIORI, CI SIAMO CALATI DEL TUTTO LE BRAGHE E QUELLA CHE DOVEVA ESSERE UNA BARRIERA PER I "PORTOGHESI" E' DIVENTATA UNA BARZELLETTA, UNO SBERLEFFO CON TANTO DI "COLONNA SONORA", ALMENO FINO A QUALCHE TEMPO FA, RAMMENTATE LA FAMOSA SIRENA ?  ENUNCIARE I MOTIVI DEL FALLIMENTO DI QUESTO SISTEMA DI CONTROLLO CHE FA ACQUA DA TUTTE LE PARTI PER ME E' SEMPLICE. GLI ADDETTI SONO INSUFFICIENTI PER IL TIPO DI CONTROLLO DA EFFETTUARE CHE SI SCONTRA INEVITABILMENTE CON LE CARATTERISTICHE "PARTICOLARI" DELL'UTENZA APPARTENENTE AL NOSTRO BACINO DI TRAFFICO. ALLORA COSA FARE PER CONTRASTARE LA GIORNALIERA EMORRAGIA DI BIGLIETTI NON PAGATI ? "ADOTTIAMO" UN TORNELLO. 


LA PREMESSA IMPRESCINDIBILE PER LA BUONA RIUSCITA DELL'OPERAZIONE E' CHE PER OGNI VARCO DOVRA' ESSERCI UN LAVORATORE. NON E'  DETERMINANTE IL PROPRIO RUOLO 
IN AZIENDA. POTRA' ESSERE UN MACCHINISTA, UN CAPOTRENO, UN IMPIEGATO, UN OPERAIO E VIA COSI'. TUTTI POTRANNO ESSERE "ARRUOLATI" PURCHE' APPARTENENTI ALLA CIRCUM. A QUESTO PUNTO DIECI VARCHI ? BENE, DIECI LAVORATORI, UNO PER OGNI ATTRAVERSAMENTO. OGNUNO DOVRA' PRESENZIARE IL PROPRIO VARCO COME FOSSE L'INGRESSO DI CASA SUA. OGNUNO DOVRA' POTER CONTARE SULLA CONTEMPORANEA PRESENZA DI ALTRI NOVE COLLEGHI PRONTI AD INTERVENIRE PER OFFRIRE UN ATTRAVERSAMENTO ALTERNATIVO DAL PROPRIO VARCO, IN CASO DI BISOGNO E ALTRETTANTO PRONTI A FAR FRONTE COMUNE, IN CASO DI PARTICOLARE INTEMPERANZA DA PARTE DEI SOLITI SCALMANATI.     

MA VENIAMO ALLE DOLENTI NOTE E CIOE' AI COSTI DELL'OPERAZIONE. NON CI CREDERETE MA CON "L'ADOZIONE" DEL VARCO, IL COSTO POTREBBE ESSERE UGUALE A ZERO. ED ECCO IL VOLONTARIATO DE NOANTRI. CREARE UN CENTRO DI RACCOLTA NEL QUALE OGNUNO DI NOI, POTREBBE DARE LA PROPRIA DISPONIBILITA', DICIAMO DI DUE ORE IN UN DETERMINATO GIORNO, A PRESENZIARE UN VARCO IN AUSILIO AI COLLEGHI CHE GIORNALMENTE CI LAVORANO. CERTO SI CHIEDE UN SACRIFICIO NON INDIFFERENTE E ALLA LUCE DEGLI SPRECHI ANCORA ESISTENTI MOLTI SI DOMANDERANNO MA CHI CAZZO ME LO DICE A ME, LA DEVO SALVARE IO L'ITALIA ? QUI PERO' NON SI TRATTA SOLO DELL'ITALIA, SI TRATTA DELLA NOSTRA AZIENDA IN PARTICOLARE. PER CUI SE NON C'INVENTIAMO QUALCOSA, HAI VOGLIA DI ASPETTARE LE SOLUZIONI DALL'ALTO, MAGARI SAREBBERO CAPACI D'INVENTARSI UN'ALTRA SIRENA.  NEL FRATTEMPO I MANCATI INTROITI PESANO SEMPRE DI PIU' SULLE NOSTRE CASSE E COSA VOLETE DA ME, SARO' ANCHE ESAGERATO MA HO L'IMPRESSIONE CHE QUALCUNO ASPETTI PROPRIO CHE CI SCAVIAMO LA FOSSA DA SOLI, CON LE NOSTRE MANI.
INSOMMA LO SPETTRO DELL'AUSPICATO FALLIMENTO E NON CERTAMENTE DA PARTE DEI LAVORATORI, A MIO AVVISO NON SI E' AFFATTO ALLONTANATO. (In proposito Leggete o rileggete l'articolo del collega Paolo Carrabba)
http://vesuvianando.blogspot.it/search/label/carrabba%20eav%20per%20capirne%20di%20pi%C3%B9
INTENDIAMO DUNQUE QUESTA MIA PROPOSTA PIU' CHE UNA PROVOCAZIONE, UN ESPERIMENTO, ANCHE PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA, COME SOLEVA DIRE IL COMPIANTO ENZO IANNACCI. DUE ORE PER CIASCUNO VISSUTE SENZA PARTICOLARI VELLEITA' MA SOLTANTO PER DIMOSTRARE LA PRESENZA, NON FAREBBERO MALE A NESSUNO, ANZI. 
DEVO AGGIUNGERE CHE GIA' DA UN PO' DI TEMPO DIVERSI COLLEGHI CHE MAGARI SI TROVANO IN UN MOMENTO DI  DISPONIBILITA' PREVISTO DAL PROPRIO TURNO DI SERVIZIO, STANNO ATTUANDO LORO SPONTE  E SENZA UNA PARTICOLARE ORGNAIZZAZIONE,  QUANDO DA ME PROPOSTO OGGI. A LORO VA IL NOSTRO PALUSO MA NON BASTA. PARTECIPIAMO ANCHE NOI DANDOCI UN MINIMO DI ORGANIZZAZIONE. OGGI PARLIAMO DI NAPOLI MA LA COSA SI POTREBBE ALLARGARE ANCHE ALLE STAZIONI E ALLE FERMATE DELLA RETE. TUTTO CIO' NELLA SPERANZA CHE IN UN PROSSIMO FUTURO CI POSSANO ESSERE RISORSE BASTEVOLI PER POTER COMINCIARE AD IMPIEGARE, ALMENO STAGIONALMENTE I TANTI GIOVANI IN CERCA DI PRIMA OCCUPAZIONE, ANCHE IN UN LAVORO DEL GENERE.

GIONA

 



2 commenti:

Anonimo ha detto...

Caro Giovanni,
in ambito metropolitano, con il numero di persone che viaggiano, l’unico modo per tentare di combattere l’evasione sono i varchi. In tutte le città del mondo esistono e funzionano, chiaramente non garantiscono il controllo del 100% degli utenti, ma sono comunque un ottimo deterrente per gli evasori.
Purtroppo la nostra città è particolare e noi napoletani siamo particolari, ancora non ci rendiamo conto che, come tu ricordavi, il trasporto pubblico locale deve sostenersi in buona parte, con gli incassi dei biglietti.
I lavoratori e gli stessi viaggiatori devono capire che meno soldi entrano nelle casse dell’Azienda, meno posti di lavoro o servizi ci saranno.
Pensa che se noi riuscissimo a controllare solo tutte le persone che entrano a Napoli P.N. e Napoli Garibaldi, anche senza tenere conto dei varchi installati nelle altre quaranta stazioni della ex Circumvesuviana, avremmo controllato il 60-70 % dei viaggiatori.
Quindi condivido e mi associo alla tua proposta, anche se, per garantire un controllo efficiente, basterebbe affiancare al personale in servizio, delle guardie giurate, che garantirebbero anche una certa sicurezza agli impianti.
Cordiali saluti
Gaetano
g.deluca.picione@gmail.com

Anonimo ha detto...

Caro Giona, la tua é una proposta provocatoria e sono certo che la gran parte dei colleghi sono pronti ad attuarla. Purtroppo però resta il fatto che é una soluzione paliativa e transitoria.
Oggi viviamo giorni difficili e in un contesto sociale dove regna il 'si salvi chi può'. Purtroppo per troppo tempo le nostre grida di dolore non sono state ascoltate ne dai nostri rappresentanti ne dai nostri manager, ed ora 'i buoi sono scappati dalla stalla'. Ora cercare di farli tornare nelle stalle non e facile e le soluzioni per tornare ad un giusto equilibrio tra qualità del servizio e qualità pagante di clienti necessita tempo, pazienza e volontà. Di una cosa però sono certo, che noi tutti amiamo questa azienda e la consideriamo la nostra casa e il nostro futuro. Quindi, al di la di qualunque polemica e di qualunque appartenenza, se siamo uniti e gridiamo insieme, lassù nel palazzo, capiranno che é tempo di rimpoccarsi le maniche e fare finalmente il proprio lavoro nell'interesse dei lavoratori e dei nostri clienti.
Caro giona, forse ti ho fatto sorridere ma io ho ancora un sogno e si chiama 'Circumvesuviana',
Ciao, Tanz.

Email: tanzillosalvatore@gmail.com