BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

15 aprile 2013

NON SUONO PER NON DISTURBARE....

"NON SUONO PER NON DISTURBARE"...

Era la scritta sul cartello che nel film "Così parlò Bellavista", esibiva altrettanto in bellavista appeso al collo, il posteggiatore chitarra munito, girando silenzioso tra i tavoli di un ristorante di Napoli. 
In quanti vorremmo accadesse la stessa cosa con le decine ormai di improbabili musici che ogni giorno sfilano tra i sedili dei treni della circumvesuviana "deliziandoci" con le loro note? Diciamoci la verità. Invece no, come si dice da noi, 'o rulor e mol e a musica dinte e 'rrecchie....Musica poi...Diciamo pure rumore molesto. 
Eppure l'art. 30 del dpr 753  dell'11 luglio 1980 ...NUOVE NORME IN MATERIA DI POLIZIA, SICUREZZA E REGOLARITA' DELL'ESERCIZIO DELLE FERROVIE E DI ALTRI SERVIZI DI TRASPORTO, parla chiaro. 


I trasgressori pare invece siano divenuti addirittura invisibili agli occhi di buona parte del personale che non li scorge più tanto meno sente le note stonate provenire da fisarmoniche messe assieme con il nastro adesivo. Lungi da me ogni forma di discriminazione visto che parliamo certamente di poveri cristi e al contempo non vorrei passare per quello che vuole entrare nella "coppola del parrocchiano", criticando il lavoro dei colleghi. Ma qui si richiamano delle norme esistenti che una volta facevano parte del bagaglio ma nel vero senso della parola (stavano nella borsa o borsello di servizio) dell'ormai estinto conduttore e dell'ancora attuale capotreno. Regolamento circolazione treni, regolamento segnali, Decreto 753 e RD 148 erano i quattro volumi della "bibbia" del personale addetto al movimento. 
Oggi gruppi musicali talvolta completi di amplificazione  non si curano più della presenza del "capo" anzi gli sfilano indifferenti sotto il naso, come se fossero ormai di famiglia. In questo modo però si continua sempre più a perdere giurisdizione sul "territorio-treno", mentre basterebbe redarguire il musico di turno, non tanto per il mancato pagamento del biglietto (questo è un capitolo a parte) ma almeno per zittirlo affinchè non infastidisca gli altri. Magari redarguisci oggi redarguisci domani, i musici potrebbero decidere di salire nel secondo etr, evitando "chiacchiere" con il capo del convoglio presente nel primo, il che sarebbe già un primo successo.     

Nessun commento: