BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

......

20 dicembre 2012

AUMENTATO IL FONDO DI ROTAZIONE PER LA REGIONE CAMPANIA. DA 50 A 200 MILIONI DI EURO ALL'ANNO. DOPO L'APPROVAZIONE AL SENATO, VOTAZIONE ALLA CAMERA ALLE 18.00 DEL 21 DICEMBRE 2012


Legge di stabilità, risorse
per trasporti e imprese

Variato il fondo di rotazione, alla Campania in arrivo 200 milioni. Caldoro: un successo. Per l’anno successivo assegno non inferiore


NAPOLI — Dopo le modifiche apportate al decreto salva-Comuni, che consentiranno a Napoli di avere 300 milioni di anticipazioni, una nuova variazione della legge di stabilità «andrà a vantaggio della Regione Campania». Una norma approvata dalla Commissione Bilancio del Senato, infatti, prevede l'istituzione di un fondo di rotazione per concedere anticipazioni alle Regioni impegnate a realizzare piani di risanamento finanziario. La norma recepisce una richiesta di modifica al Ddl n. 3584, ad opera dei senatori Annamaria Carloni del Pd e Pasquale Viespoli, del Gruppo Coesione nazionale. 

IN ARRIVO 200 MILIONI - Se tutto dovesse andare come ci si aspetta, dal primo gennaio del prossimo anno Palazzo Santa Lucia potrebbe incassare un assegno di 200 milioni; per l'anno successivo, il 2014, l'assegno — prevedono i tecnici — sarà sicuramente non inferiore. I fondi molto probabilmente saranno utilizzati per risollevare dalla crisi i trasporti regionali e per ridurre i ritardi dei pagamenti della pubblica amministrazione nei confronti delle imprese fornitrici. «La legge di stabilità così modificata — commenta Annamaria Carloni — è molto migliorata, rispetto al testo precedentemente approvato dalla Camera, sotto il profilo dell'equità sociale e territoriale, grazie all'impegno del Partito democratico. Voglio esprimere particolare soddisfazione per la giusta istituzione di un fondo di rotazione per le Regioni, e sono lieta di avere contribuito a questo risultato, a vantaggio della nostra Regione Campania, anche con un mio emendamento, dopo aver ottenuto nelle settimane scorse un risultato importantissimo a favore del Comune di Napoli».

CALDORO SODDISFATTO - «Un risultato significativo, un successo che vale molto che premia la Campania e le Regioni. Ringrazio i senatori che hanno dato un contributo fondamentale». Così, il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, ha commentato l'estensione del Fondo di rotazione alle Regioni in squilibrio economico e finanziario grazie ad un emendamento a firma Carloni-Viespoli previsto nel testo del disegno di legge di stabilita in via di approvazione al Senato. «Il primo passo è stato fatto — ha detto ancora il presidente della Regione Campania — c'è uno strumento fondamentale per avere liquidità per le imprese, per il sistema dei trasporti. Per il sistema Campania. Ora - ha aggiunto- aspettiamo le coperture adeguate. Attendiamo il voto dell'Aula e il maxi emendamento del governo che sono certo andrà in questa direzione», ha concluso Caldoro.

IL FONDO DI ROTAZIONE - Il fondo di rotazione previsto nell'emendamento inserito nella Legge di stabilità non si delinea come misura «una tantum» ma come un provvedimento strutturale con manovre di accompagnamento al risanamento dei bilanci delle Regioni che hanno varato piani di stabilizzazione e rientro finanziario. L'operatività del Fondo di rotazione — secondo le attuali previsioni — potrà attuarsi entro un limite massimo di erogazione fissato in 150 euro per abitante e il limite di capienza finanziaria del Fondo stesso, che allo stato è previsto in 50 milioni di euro (destinato ad aumentare negli esercizi dei prossimi anni). Il Fondo, così come delineato nell'emendamento, non si configura come un'elargizione alle Regioni ma è in pratica un'anticipazione a carico dello Stato basata sul patto di fiducia con le Regioni che si impegnano a rientrare in condizioni di equilibrio finanziario. La prima Regione che potrebbe utilizzare i meccanismi del Fondo di rotazione è la Campania.

Nessun commento: