BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

CHIUSO PER FERIE

31 dicembre 2016

Fwd:


---------- Forwarded message ---------
From: Salvatore Valerio <salval1951@gmail.com>
Date: sab 31 dic 2016 alle 20:51
Subject:
To: Giovanni Navarone <giovanninavarone@gmail.com>


ARRIVANO 600 MILIONI E L'EAV È SALVA....



Seicento milioni per salvare l`Eav. ....
Via libera dal consiglio regionale all'utilizzo dei fondi erogati dal governo.......

Fonte: Ottavio Lucarelli da La Repubblica Napoli

"Abbiamo salvato tremila posti di lavoro nella più grande azienda della Campania. Ventimila posti, se consideriamo tutto l'indotto. Ora l'Eav diventerà la prima azienda trasporti in Italia dopo cinque anni di chiacchiere del centrodestra". In Consiglio regionale passa la delibera che assegna 600 milioni stanziati dal governo Renzi per sanare i debiti della holding trasporti campana e Vincenzo De Luca esulta: «Se non avessimo deciso, dal primo gennaio avremmo dovuto portare i libri in Tribunale. Abbiamo salvato l'Eav e un numero enorme di aziende creditrici con i relativi dipendenti evitando un disastro sociale. C'è chi decide di prendersi la responsabilità di salvare l'Eav e chi decide di non farlo». La delibera passa con 25 voti del centrosinistra mentre i Cinque stelle si astengono (in commissione erano contrari) e il centrodestra dell'ex presidente Stefano Caldoro vota no. 

«Abbiamo compiuto un passo importante — sottolinea Gianluca Daniele, consigliere Pd — sia per la salvaguardia dei posti di lavoro sia per i cittadini che sono stati pesantemente lesi nel diritto ad avere una mobilità adeguata». 

Ed ora sono annunciati anche 18 milioni della Regione per gli investimenti. «Siamo orgogliosi.-Prima della giunta De Luca — sottolinea Luca Cascone, presidente della commissione trasporti — c'erano solo chiacchiere come è avvenuto per L'Eavbus, lasciata fallire abbandonando i lavoratori al loro destino e senza il Tfr.(Liquidazione)

Da oggi si volta pagina grazie al contributo statale straordinario per offrire alla Campania un sistema di trasporto pubblico all'altezza di una grande regione a vocazione turistica». 

I Cinque stelle si astengono «perché manca un piano di sviluppo». 

Caldoro trascina il centrodestra al no ed è attaccato dal verde Francesco Borrelli: «I colpevoli del disastro sono l'ex presidente Eav Nello Polese e l'ex assessore Sergio Vetrella». 

Caldoro estrae allora dal taschino il curriculum dell'ex sindaco Polese: «Un professore universitario». 

Mentre Armando Cesaro, capogruppo di Forza Italia, sottolinea: «Abbiamo votato no, ma siamo rimasti in aula per garantire il numero legale». In sala tanti imprenditori-creditori Eav. 

Tra il pubblico anche il presidente della holding Umberto De Gregorio: «Avremo un'azienda con il miglior bilancio nel trasporto pubblico in Italia. Ha fallito chi voleva farla fallire».

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Egregio Direttore,finalmente la buona novella è arrivata,l'attesa è finita ed il miracolo c'è stato....Non c'è più l'aria fritta dei giorni vuoti di Vetrella;le risorse economiche per pagare i creditori ci sono ed i soldi sono veri....

Le tribolazioni non saranno ancora finite,ma infine si volta pagina....Colgo l'occasione per augurare a tutti voi e alle vostre famiglie un Buon Anno.... 

Possa essere,il festoso e ingenuo anno nuovo, un Anno possibilmente saggio e verosimilmente sereno.....    

 ------------------------------------------------------------------------------------------------


Risultati immagini per poesie natale d autore

Per un miracolo, quali gli ingredienti? Il vello

del pastore, un pizzico appena di presente, un briciolo
di ieri, e alla manciata del giorno che verrà aggiungi
a occhio una fetta di cielo più quell'assaggio di pura vastità.
E si compie il miracolo. Perché i miracoli,
attratti dalla terra, serbano gli indirizzi,
anelando talmente a svolgere la prescritta funzione

da giungere a destinazione perfino nel deserto.
E se vai via di casa – accendi, al momento
del commiato, le quattro candele di una stella
perché illumini un mondo vuoto di realtà,
mentre ti segue con lo sguardo per l'eternità.

Iosif Brodskij, da Poesie di Natale  Adelphi editore                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               .....
































2 commenti:

Fang Ride ha detto...

Quindi la pacchia è finita, si torna a far partire i treni in orario senza prendere in giro l'utenza con i fantomatici problemi di "assenza di materiale rotabile" quando tutti i binari di porta nolana sono occupati da treni funzionanti (la prova: sono appena arrivati in stazione. Se ci sono arrivati funzionano, no?)?

Oppure li sprecherete di nuovo comprando nuove vetture inutili e scomode che richiederanno lavori e spese extra per adattare binari e stazioni?

Ah no, altra ideona: costruite un secondo ufficio per le relazioni con il pubblico, con 10 100 10000 tv lcd che mostrano un inutile video registrato e personale dentro che non ha idea di orari di treni ed autobus.

E continuate a far prendere i treni gratis a zingari, rom e altra feccia umana: è una gran bella iniziativa per la sicurezza delle persone che sono in possesso di un regolare titolo di viaggio, pagato anche caro, mentre i posti a sedere e gli spazi tra le cabine sono occupati da chi entra a sbafo e relativi "bagagli".

Tanto arrivano pure i 18 milioni della Regione adesso, ci si può permettere di farli viaggiare gratis ancora un per pò, no? - con l'assenso dei controllori che quando di tanto in tanto appaiono in pubblico scendono prima di raggiungere le stazioni "critiche" dove effettuare i controlli.

Buon 2017.

il postino di baskerville ha detto...


Ragionare sulle cause che hanno condotto le tre aziende di trasporto ferroviario sull'orlo del fallimento è un operazione complessa e delicata...Gli ultimi sette anni verranno ricordati per la scarsità del materiale rotabile,per le insolvenze verso i creditori e per le difficoltà all'approvvigionamento di forniture manutentive,per una manutenzione al collasso,per i bilanci nascosti o taroccati;per il caos amministrativo e il disordine organizzativo;per un Piano Industriale più volte promesso,ipotizzato o chiacchierato ma mai realizzato,per una cronica evasione tariffaria e dulcis in fundo per la bigliettazione di UNICO CAMPANIA..........Un fiasco totale,uno smacco,un tracollo che giorno dopo giorno ha condotto l'E.A.V verso il disastro....Dirigenti sconnessi dalla realtà;rapporti politici di dipendenza e di fedeltà assoluta da parte di amministratori;scarso valore etico di chi doveva rappresentare il Bene pubblico unito all'incapacità a garantire ai cittadini il diritto ad una mobilità sicura e sostenibile......

Questi sono i fatti ......

Quindi,risalire la china in queste condizioni è sempre molto difficile e tutto può sempre ripetersi.....

Charles Dickens,in un suo racconto, faceva pronunciare ad un Anno Vecchio le sue ultime parole....
"Sono stato un anno di disastri;sono stato costretto a essere il testimone del naufragio di molte creature"....
Con un filo di fiato,assistito dai più stretti collaboratori il Capo degli scavatori delle tombe e il Capo Cancelliere delle nascite,l'Anno moribondo si apprestava cupamente a spegnersi come avevano fatto gli altri anni vecchi che lo avevano preceduto....Si apprestava a spegnersi nella propria residenza ai confini del Tempo ed a essere seppellito nei tranquilli possedimenti della CRONOLOGIA dei fatti....E lasciava il campo a un festoso NUOVO ANNO,di cui " per mera forza d'abitudine",il Capo Cancelliere delle nascite registrava l'inizio del nuovo anno con parole in lettere dorate:"POSSA ESSERE IL NUOVO ANNO,UN ANNO SAGGIO E FELICE PER TUTTI NOI "......Naturalmente,molti erano speranzosi,tanti erano dubbiosi,qualcun altro incredulo lasciava capire che l'anno nuovo non poteva essere ne saggio e ne felice............


Nel nostro specifico caso,nessuno può dire,se l'attuale classe dirigente,(fotocopia di quella precedente che gestì ed organizzò il naufragio delle tre vecchie aziende di trasporto)potrà fare meglio o peggio........
Potrà mai regalarci,una nuova edizione dei vecchi fallimenti???...Ricordate quei vecchi episodi della precedente serie trasmessi con notevole successo in rete dagli Actor Studios della Paramount distribuescion del Volturno e che spopolò sui mezzi d'informazione per notizie di incendi,investimenti,dissesti finanziari,scontri e deragliamenti???....

Avrà intuito,dal tenore del mio commento,che nessuno può assicurare più niente....Cosa ci riserverà il FUTURO?Una flotta di ETR che eguagli i 139 treni di una volta?Una Manutenzione che riesca a garantire livelli eccellenti di SICUREZZA???Un collaudo che certifichi e assicuri il rispetto delle normative europee???

(La manutenzione è rabberciata e pochi sono i treni.......)

Il glorioso passato della Circumvesuviana: non ritorna più....


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Da" Operette morali " di G. LEOPARDI


IL 31 DICEMBRE un venditore di almanacchi(sarà l'esperto di numerologia e moti celesti?)si affaccia nella stazione di Napoli terminale,mentre un viaggiatore curioso su ciò che avverrà "il domani",lo interroga,lo incalza e lo spinge a sbilanciarsi sul FUTURO......

"Coll'ANNO NUOVO,il caso comincerà a trattar bene voi,e me e tutti gli altri,e si principierà la vita felice.Non è vero???"

-Speriamo,risponde il viaggiatore,ma si capisce che non è convinto.-.......

http://www.leopardi.it/operette_morali23.php