BREVI, FLASH, ANNUNCI.....

..... ...... ......

25 maggio 2012

DA FILT-CGIL FIT-CISL UILT UGLT


R.S.U./R.S.A. CIRCUMVESUVIANA
FILT-CGIL    FIT-CISL     UILT      UGLT


COMUNICATO AI LAVORATORI

In data 23/05/2012, si è tenuta in EAV Holding la prevista riunione, avente ad oggetto: “Riordino busta paga”.
Le scriventi, rispetto alla proposta aziendale hanno ribadito i seguenti punti considerati necessari per una chiusura favorevole della trattativa.:
Aumentare il valore dello scalino di partenza dell’indennità CAU;
Nessuna voce ‘benefit’, deve essere esclusa dalla nuova busta paga;
La base di calcolo per le voci ad personam ‘perequativa e compensativa’ devono tenere conto del periodo ‘gennaio – dicembre 2011;
Per tutto il personale in servizio alla data del 16/12/2011, in continuità della propria attività professionale già rivestita, deve conservare il diritto alla maturazione sia  degli avanzamenti professionali che delle indennità economiche;
Gli importi delle indennità perequativa, non devono mai prevedere valore economico uguale zero, ma il valore massimo delle società con gli importi più bassi rispetto a quelli delle altre società;
L’indennità di carica deve restare riferita alle singole aziende, e solo dopo la fusione delle tre aziende, si concorderà una nuovo assetto della stessa.
Alle proposte sindacali, l’azienda in fase di discussione ha fatto delle aperture ritenute però insufficienti, per cui si è deciso di continuare il confronto in una prossima riunione.
Lavoratori, vi terremo informati sul prosieguo della trattativa.

Napoli, 24/05/2012. 

**********************************************************************

Fono n°      170
Del              24/05/2012

A:               S.RSI. Circumvesuviana
Da:              R.S.U./R.S.A. Circumvesuviana


Oggetto:  Vs. convocazione per il 25/05/2012.

 Le scriventi, in riferimento all’oggetto ribadiscono, in coerenza delle finalità espresse dal gruppo (uniformità dell’ODL di tutti i lavoratori del gruppo EAV), che il confronto deve essere sviluppato in sede EAV,  presenti tutti i soggetti interessati (Circumvesuviana, Sepsa, Metrocampania), e non singolarmente per azienda.
Inoltre si rende necessario, in tale riunione che sia espressa da parte del gruppo come intende procedere alla valorizzazione dei recuperi previsti, in primis con riferimento alla proposta avanzata circa i nuovi turni del PV e PdM .
In attesa di vs. determinazioni, con la presente si diffida l’azienda a intraprendere atti unilaterali, che vedrebbero la ferma reazione dei lavoratori.
                                                        IL Coordinamento R.S.U./R.S.A.
                                                      Di Fiore     Anatriello     Tonno    Ranucci

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Per evitare l’Apocalisse
La crisi,il Trasporto e…..LA CAMORRA
------------------------------------------------I sindacati lanciano un grido di allarme e dicono:La CAMORRA,attraverso prestanome,può assumere il monopolio dei trasporti(GULP!).Ci sono debiti per oltre un miliardo….E mentre dichiarano questo,il Presidente della Provincia di Caserta lancia l’ultimatum sul caso CLP e chiede di portare a termine la gara….
Ma andiamo con ordine e rileggiamo il comunicato….

“Il rischio concreto di fallimento delle aziende del trasporto pubblico locale della Campania, testimoniato da una esposizione debitoria di oltre un miliardo di euro, può determinare un attivismo economico incontrollato della criminalità organizzata. L’eventuale affidamento, successivo al fallimento, potrebbe non trovare nelle aziende campane la liquidità necessaria ad acquisire il servizio. Tale condizione è aggravata dalla crisi economica in atto… In questo contesto, l’unica organizzazione che ha grandi disponibilità e ingenti somme di denaro è la criminalità”.
A lanciare il grido d'allarme sono i segretari generali di Cgil e Filt-Cgil della Campania, Franco Tavella e Mario Salsano, i quali affermano che “la camorra, attraverso dei prestanome, può assumere di fatto il monopolio del sistema trasporti in Campania”. “Si verrebbe così a determinare – secondo Tavella e Salsano – un salto di qualità della criminalità organizzata, replicando di fatto ciò che è già avvenuto nel settore dei RIFIUTI ”.
“A fronte di questo quadro occorre sostenere la natura pubblica del sistema dei trasporti campani arginando così il possibile rischio di una scalata da parte della criminalità organizzata che, se dovesse avvenire, porterebbe a conseguenze disastrose anche per i lavoratori del settore, i quali sarebbero di fatto messi sotto ricatto,con immediate conseguenze sui salari e sui livelli occupazionali”.

Le parti sociali inoltre chiedono un incontro urgente con il Governo:”Siamo ai limiti di una rottura sociale e definitiva,e senza via di ritorno,il nostro è un ultimatum al governo che deve aprire gli occhi sul Mezzogiorno e dare il via ad un tavolo con Istituzioni,imprese e sindacati….
Intanto per il 2 GIUGNO è annunciata la Manifestazione a Napoli con i Segretari Nazionali….

Riporto il comunicato sindacale firmato da Tavella e Salsano della C.G.I.L e F.I.L.T.....
In assenza di informazioni da parte della struttura(Coordinatori e delegati)svolgo un ruolo SUPPLENTE......
Guardat ch me tocca fà....
Un frate che invece di bazzicare pergamene e manoscritti,trascrive comunicati della Segreteria Regionale della C.G.I.L per rendere edotti i lavoratori sui rischi di infiltrazioni cammorristiche nel trasporto Pubblico,come si evince dalla dichiarazione congiunta di Tavella e Salsano....

Che la forza sia con noi

Guglielmo da Baskerville

Anonimo ha detto...

AVVISO AI NAVIGANTI:PER LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE DEL 2 GIUGNO A ROMA.....

Le organizzazioni territoriali della C.G.I.L. hanno curato il trasferimento dei partecipanti al corteo attraverso la prenotazione di pullmann .....
Il concentramento è previsto per le ore 10,00 a Piazza Garibaldi---Napoli.....


IL PISTOLOTTO DEL FRATACCHIONE

Figlioli,questa è una crisi,che sta mettendo in ginocchio imprese e cittadini,e … l’ombra della camorra, sempre presente nel territorio,potrebbe allungarsi anche sul trasporto ferroviario….Il comunicato è lapidario,e non lascia il minimo dubbio...
Forse mai come in questo momento è urgente riaffermare il valore della legalità e ripristinare il senso della proprietà dello STATO nei beni pubblici…,
In un momento particolare,dove l’intera comunità nazionale è chiamata a reggere il peso d’una crisi economica e sociale che può disgregarla in egoismi,sfiducia, risentimenti e sospetti…

(Gustavo Zagrebelsky) :“ Senza legalità,non c’è concordia,ma conflitto senza esclusione di colpi,dove i diritti dei più deboli sono destinati a soccombere all’arbitrio dei più forti…L’illegalità ha non solo un costo economico,ma anche e soprattutto un costo sociale che il nostro paese non può permettersi di sopportare,soprattutto quando gli si chiede sacrifici in nome “ del bene comune “.
Tra le diverse politiche emergenziali “ Salva Italia “,si deve mettere,e in posizione prioritaria,una politica “ Salva legalità in Italia “…”

Ed allora (mi domando)cu chisti chiar e luna,:non è demenziale affidare ad una gara di appalto i trasporti pubblici? Chi potrebbe avere la liquidità necessaria per gestire un bene pubblico? Potrebbero figurare dei prestanomi ?E potrebbero mai garantire e assicurare:legalità e sicurezza?Quali ditte ed aziende lavorerebbero nei cantieri? Come viene tutt’ora controllata la filiera degli appalti e dei sottoappalti? C’è il rispetto delle normative sulla sicurezza? Qual è il criterio per l’assegnazione degli appalti?
Diciamoci la verità:sono controverse le regole dell’appalto e del sottoappalto…Uno slalom continuo tra norme e normette…Le loro mille eccezioni….Con cavilli scritti nei codici ufficiali dove a vincere sono sempre i più forti…
Si avvale della complicità di chi dovrebbe controllare e non controlla...Di chi dovrebbe denunciare e non denuncia….
Di chi dovrebbe legiferare e non legifera…Ma guardateli:chi siede oggi in Parlamento? Una pletora di inquisiti e di autorizzazioni a procedere negate…Si va da partecipazione o concorso esterno in associazioni mafiose a corruzioni diffuse,da voti di scambio a finanziamenti illeciti ed abusi di ufficio…
In un territorio aggredito dal malaffare:il sottoappalto è una metastasi che gioca di sponda con il denaro. E il denaro unisce….Unisce,il massimo della confidenza con i meccanismi finanziari moderni con l’antica filosofia del tengo famiglia…Nasce così un diritto d’uso corrente,fatto di ammiccamenti …Un’antilegge più efficace della Legge stessa…Un sistema di regole nel quale tutti gli attori si sentono garantiti:chi corrompe e chi è corrotto…
Con questa crisi economica,lo vogliamo correre questo rischio?Ma le osserviamo bene,le cose che accadono intorno a noi?Nella nostra Regione l’unica attività fiorente sono i Centri Commerciali…. Sorgono come funghi…Da dove provengono?Chi sono?Nè abbiamo così bisogno?Ci guadagnano o sono attività in perdite?E dopo i Centri Commerciali?Un deserto industriale!
In questo momento affidarci alle gare,non è la soluzione migliore…Perché è chiaro: rischiare una decisione di questo genere,innescherebbe una reazione a catena,capace di smantellare il rapporto di lavoro e la stessa sicurezza…

Nellino,Nellino(Polese) raccontalo tu al Consiglio Regionale,che è deleterio e fonte di guai correre questo rischio...
Intanto il fratacchione insiste e persiste:e le CLAUSOLE DI GARANZIA?Senza le regole chi garantisce i lavoratori?

A proposito:voi cosa ne pensate???

Che la forza sia con noi
Frate Guglielmo